Home Sport acquatici Pallanuoto Gara 3 Semifinali Play off scudetto Serie A1 femminile

Gara 3 Semifinali Play off scudetto Serie A1 femminile

12
0

Mediterranea Imperia – Rapallo Pallanuoto: 12-9

Mediterranea Imperia: Gorlero, Garibbo, Borriello, Tedesco, Stieber 1, Casanova 2, Pomeri, Carrega 4 (1 rig.), Emmolo 4, Bencardino, Drocco 1, Amoretti, Solaini. All. Capanna.
Rapallo Pallanuoto: Stasi, Gragnolati, De Carli, Kisteleki 4 (3 rig.), Queirolo 1, Bianconi 1, Ioannou 1, S. Criscuolo, C. Criscuolo, Rambaldi, Cotti 1, Frassinetti 1, Risso. All. Antonucci.
Parziali: 3-4, 3-2, 4-1, 2-2
Superiorità numeriche: Imperia 4(9) + 1 rig., Rapallo 2(9) + 3 rig.
Sfuma il sogno del Rapallo Pallanuoto, la conquista della finale scudetto per il secondo anno consecutivo. È la Mediterranea Imperia ad aggiudicarsi Gara 3 delle semifinali play off, la “bella” giocata questa sera dopo la vittoria in gara 1 del Rapallo (che il 16 aprile aveva espugnato la piscina Cascione di Imperia con il risultato finale di 6-9) e la risposta delle giallorosse lo scorso sabato, quando hanno espugnato la piscina del Poggiolino battendo 11-9 le campionesse d’Italia in carica.
Finisce 12-9, con la Mediterranea che esulta davanti al pubblico di casa.
Primo tempo, apre le marcature a 2 minuti dal fischio d’inizio Carolina Ioannou, 1-0 Rapallo. Replica dall’altra parte l’Imperia con Emmolo, ma subito dopo è capitan Frassinetti a riportare avanti le gialloblu. Il vantaggio aumenta con Dora Kisteleki, in superiorità.
Dalla parte opposta, l’attacco delle giallorosse si infrange sul palo. Occasione mancata per loro e sfruttata invece da Roberta Bianconi, che porta il risultato sull’1-4. Time out Imperia, si riprende in gioco con le padrone di casa determinate a colmare le distanze.
Lo fanno con Emmolo, che per due volte supera il portiere gialloblu Solveig Stasi. Il parziale si chiude sul 3-4.
Secondo tempo, l’Imperia agguanta il pareggio: lo fa con Carla Carrega. Poi mette la freccia: la sigla sul 5-4 è di Drocco. Ma il Rapallo non ci sta e risponde con Kisteleki su rigore, poi passa nuovamente a condurre, la rete è di Elisa Queirolo. Il gol di Elisa Casanova riporta il risultato in parità: 6-6.
Cambio campo, a 6.56 guizzo delle padrone di casa, che si riportano avanti con Stieber e incrementano il vantaggio ancora con la mancina Emmolo. Momento difficile per il Rapallo quando Elisa Casanova supera il portiere Stasi e porta l’Imperia a tre lunghezze di distanza. A 54 secondi dalla fine del tempo viene fischiato un rigore a favore delle gialloblu: tira Kisteleki, gol. 9-7, il Rapallo ci crede anche se la rete di Carla Carrega porta nuovamente l’Imperia avanti di tre reti. Sul 10-7 si va all’ultima e decisiva frazione di gioco.
Ultimo tempo, passano due minuti e accorcia il Rapallo con Aleksandra Cotti, poi le gialloblu hanno davanti l’occasione di portarsi a -1 ma non sfruttano la superiorità numerica. Controfuga di Sonia Criscuolo, ma Gorlero le sbarra la strada per la conclusione a rete. A 3 minuti dalla fine del match, Carla Carrega centra ancora il bersaglio e riporta le giallorosse avanti di tre reti. 11-8. segna ancora Kisteleki dai 5 metri per il Rapallo, ma le ultime speranze si infrangono sul gol di Carrega, che a un minuto dalla fine realizza su rigore il gol del 12-9 che vale la vittoria.
Passa l’Imperia, che se la vedrà con il Plebiscito Padova, alla sua prima e storica finale conquistata nel pomeriggio contro l’Orizzonte Catania sconfitto ai rigori.