Home Altro La foresta Northwave prende vita con il progetto Treedom

La foresta Northwave prende vita con il progetto Treedom

136
0

Madagascar, Tanzania, Ecuador, Colombia. Northwave ha scelto questi meravigliosi paesi per dare il proprio contributo ad un mondo più verde, sostenibile e migliore, donando, nel giorno del World Environment Day (5 giugno) – una foresta di 200 alberi che contribuiranno ad assorbire ben 78.750kg di CO2 .

Il progetto, in collaborazione con Treedom, è per Northwave, i cui valori si ispirano alla montagna e al viverla nel suo totale rispetto e bellezza, un ulteriore passo verso un futuro più vivibile. “Questo amore per la montagna ci ispira e ci rende orgogliosi di quello che ogni giorno sviluppiamo e ricerchiamo per nutrire la passione per lo sport che ispira noi stessi e tutte le persone che scelgono Northwave” afferma Davide Rossetti, General Manager Northwave.

Di cosa si tratta? Treedom nasce nel 2010 con lo scopo di permettere a chiunque di donare degli alberi a distanza e seguirne la storia online (Ogni albero di Treedom ha una propria pagina online, viene geolocalizzato e fotografato, può essere custodito o regalato virtualmente a terzi). In 10 anni è stato un vero successo: sono stati piantati, infatti, più di 2.000.000 di alberi in Africa, America Latina, Asia e Italia. Tutti gli alberi vengono piantati e curati direttamente da contadini locali e contribuiscono a produrre benefici ambientali, sociali ed economici.

“Una foresta è molto di più di un insieme di piante, è al tempo stesso razionalità e mistero è parte del tutto. E’ Madre Terra. Perdere le foreste significherebbe perdere noi stessi, ferirci nel profondo. La foresta è cultura sociale, è un insegnante silenzioso che ci parla di natura quella stessa natura in cui Northwave nasce e vive la sua passione, che sia in sella ad una bici o su una tavola da snow”.E’ con queste parole che Northwave ha voluto raccontare le proprie motivazioni al progetto e ha concretizzato il proprio contributo.

“Perché il percorso sostenibile è costellato di tante azioni e di piccoli passi”, dice Davide Rossetti, primo promotore del progetto in Northwave che continua: “Per questo noi di Northwave crediamo nell’importanza del progetto Treedom, ossia quello di fare un atto concreto che possa cambiare in meglio la vita di tutti”.