Home Altri sport Ciclismo LOVERE SI ILLUMINA DI ROSA ASPETTANDO IL GIRO D’ITALIA

LOVERE SI ILLUMINA DI ROSA ASPETTANDO IL GIRO D’ITALIA

15
0
Tappa-Lovere-Giro-d-Italia credit-Foto-Quaranta-3

Tappa-Lovere-Giro-d-Italia credit-Foto-Quaranta-3

Foto Quaranta

Che il Giro d’Italia sia qualcosa di più di una competizione per il nostro Paese, lo dicono le oltre cento edizioni disputate: una gara simbolo, un evento che unisce una nazione, una manifestazione che supera i confini del puro agonismo. In vista della grande partenza da Bologna sabato 11 maggio, gli organizzatori di RCS Sport hanno coinvolto le città sede di tappa della 102° edizione, nel mostrare, ognuna, la bellezza monumentale che più la rappresenta.
E così, per celebrare il Giro d’Italia 2019 a esattamente 102 giorni dalla partenza, le città hanno illuminato di rosa i simboli da mostrare al mondo. Monumenti, piazze, vie e luoghi particolari, tutti accomunati dall’essere esempio artistico della storia italiana.

IN ROSA L’ACCADEMIA DI BELLE ARTI TADINI DI LOVERE
Anche Lovere, che il 28 maggio 2019 vedrà partire la 16° tappa, ha voluto mostrare il suo legame con il Giro d’Italia illuminando uno dei simboli della sua città: l’Accademia di Belle Arti Tadini, preziosa testimonianza del neoclassicismo in Italia, che si affaccia sulle acque del Lago d’Iseo.
«Tutti gli addetti ai lavori sostengono che la frazione Lovere – Ponte di Legno sarà eccezionale sotto il profilo spettacolare e per molti anche decisiva ai fini della classifica finale – commenta Giovanni Bettineschi, presidente del comitato tappa locale Promoeventi Sport – e la lunghezza di 226 chilometri e soprattutto il dislivello di oltre 5.000 metri di dislivello la renderanno una tappa da ricordare».

LOVERE SI PREPARA AD ACCOGLIERE I GIRINI
Per la cittadina bergamasca il Giro d’Italia rappresenta una importante opportunità per mettere in luce le proprie qualità turistiche e di accoglienza, e in tal senso Lovere si sta preparando a ospitare la corsa rosa con un ricco calendario di eventi collaterali: «Stiamo definendo un programma di manifestazioni che mettano in luce il nostro territorio e le sue unicità come, per esempio, essere uno dei Borghi Più Belli d’Italia – commenta Giovanni Guizzetti, primo cittadino di Lovere – e, allo stesso tempo, sottolineare il legame della nostra tradizione con il mondo del ciclismo».

Da rappresentazioni teatrali a mostre fotografiche, Lovere si sta facendo bella per accogliere la maglia rosa, quella maglia che da sempre fa sognare campioni, ciclisti, tifosi e cittadini del Bel Paese e non solo.

IL TAPPONE PARTE DA LOVERE
E a sottolineare l’importanza della tappa Lovere – Ponte di Legno che porterà i girini a scalare il Passo della Presolana, la Croce di Salven, il passo Gavia (Cima Coppi del Giro) e il Mortirolo dal versante più duro (se mai ne esistesse uno più facile..) di Mazzo di Valtellina, sulle sponde del Lago d’Iseo hanno già coniato il claim della frazione: “Il tappone parte da Lovere”.

Per informazioni: www.promoeventisport.it