Home Altro Scacchi-Dama-Othello MASTER: CENTURINI CERCA LA SALVEZZA

MASTER: CENTURINI CERCA LA SALVEZZA

19
0

Si disputa dal 30 aprile al 4 maggio a Condino (TN) il 46° CIS Master. In concomitanza il CIS femminile.

La massima serie degli scacchi. che vede la partecipazione della squadra del Centurini, si gioca con un Sistema Svizzero di 7 turni. I match si disputano su quattro scacchiere. La classifica sarà stilata tenendo conto dei punti squadra (2 punti per ogni incontro vinto, 1 punto per ogni incontro pareggiato). In caso di parità si terrà conto dei punti individuali, ed in caso di ulteriore parità, se si sono incontrate tutte tra di loro, della classifica avulsa tra le squadre in parità (punti squadra e poi punti individuali). Erano previste quattro retrocessioni, ma saranno due perché due formazioni si sono ritirate (Zisa Palermo e Barletta). La cadenza di gioco è di 90′ x 40 mosse + 15′ per finire + 30″ bonus a mossa. Il montepremi è di 5.000 euro (2.000 alla squadra vincitrice) più un contributo di 3.000 euro alla vincitrice purché partecipi alla European Club Cup schierando almeno 4 giocatori italiani.

Unica squadra ligure in gara, il Centurini, numero 15 su 16 nel rating, cercherà di centrare l’obiettivo della salvezza, consapevole delle difficoltà dell’impresa.

Calendario

Mercoledì 30/4 ore 15.30 – 1° turno
Giovedì 1/5 ore 9.00 – 2° turno
Giovedì 1/5 ore 15.30 – 3° turno
Venerdì 2/5 ore 9.00 – 4° turno
Venerdì 2/5 ore 15.30 – 5° turno
Sabato 3/5 ore 15.30 – 6° turno
Domenica 4/5 ore 9.00 – 7° turno

Prima della partenza, due “tegole” si sono abbattute sulla nostra squadra.

Il MF tedesco Martin Kreuzer, prima scacchiera e colonna della squadra negli anni passati, già regolarmente inserito nella lista dei giocatori iscritti al torneo, non può parteciparvi perché non era in regola, alla data del 14 marzo, con la tessera agonistica 2014 FSI. Un banale errore ci è costato la sua partecipazione al torneo, anche se, secondo noi, si poteva sanare la situazione applicando l’articolo del regolamento che prevede che: (7.4.3) Le decisioni del Direttore Nazionale del Campionato Italiano a Squadre potranno essere prese anche secondo equità e cioè tenendo conto della situazione concreta, della buona fede di chi ha operato, dei rischi d’immagine per la F.S.I. e dell’errore scusabile nell’applicazione dei Regolamenti.
Ma la direzione arbitrale e la FSI apparivano irremovibili, nonostante le articolate argomentazioni sostenute dal Circolo.

Seconda tegola: Vincenzo Manfredi può giocare a Condino solo a partire dal 4° turno in quanto ha recentemente partecipato al 3° turno della serie C. Su questo punto abbiamo fatto notare il carattere criptico dell’articolo del regolamento, un articolo che nei tempi verbali e nella concatenazione logica delle frasi lascia più di un ragionevole dubbio sulla bontà dell’interpretazione tecnica che usualmente viene data.
3.2 La lista dei giocatori per ciascuna squadra può comprendere un numero di giocatori stabilito nel Regolamento di attuazione annuale. Salvo quanto precisato nei punti successivi, un giocatore può giocare per qualsiasi squadra di una stessa società. Non può giocare in più di due squadre della stessa Società e non può giocare in due squadre nella stessa serie.
3.3 Durante lo stesso Campionato qualsiasi giocatore che abbia giocato per una squadra, non può più giocare in un’altra squadra di serie inferiore nello stesso turno di calendario o in turno successivo, indipendentemente dallo svolgimento temporale delle varie serie. Un giocatore che abbia giocato per una squadra non può giocare nello stesso turno di calendario per nessun’altra squadra, indipendentemente dallo svolgimento temporale delle varie serie. Ciò si estende tassativamente anche alla serie Promozione. Gli incontri di spareggio non sono considerati come ulteriori turni del girone.

Comunque sia, nonostante queste difficoltà impreviste la squadra è pronta a combattere e a vendere cara la pelle. Conforta la notizia della disponibilità del maestro internazionale Flavio Guido a scendere in campo e a difendere i colori dell’unica squadra ligure nel master. Al di là della difficoltà dell’impresa, dato l’elevato livello tecnico delle altre partecipanti, la partecipazione di Flavio infonde coraggio, rafforza lo spirito di gruppo e la volontà di lottare fino all’ultima mossa degli ultimi decisivi turni.

Partecipano alla spedizione alla volta di Condino, guidata dal capitano Marcello Astengo, oltre a Flavio Guido, l’esperto maestro Fide Fabrizio Molina, i maestri Michele Mollero, Vincenzo Manfredi e Dario Brun, già protagonisti del bel campionato dell’anno scorso, i CM Shaban Abd El Gawad e Daniele Cantoro, alla prima esperienza nel Master.

Sito ufficiale dove seguire il torneo: http://www.arcoworldchess.com/46-campionato-italiano-a-squadre/