Home Altri sport Motori MOTO GP: ROSSI C’E’ !!! LORENZO EROICO, ANCORA UN FLOP DELLA DUCATI

MOTO GP: ROSSI C’E’ !!! LORENZO EROICO, ANCORA UN FLOP DELLA DUCATI

10
0

Rossi c’ééééééééééééé!! In barba a tutti quelli che lo davano per finito e “bollito” l’ex campione del mondo, che non vinceva dal Gran Premio in Malesia del 2010, ha aggiunto una ulteriore perla al suo palmarès firmando la vittoria n° 106 su 206 gare disputate.

Finalmente, come non gli succedeva da tempo, Valentino è partito bene mantenendo il ritmo delle due Honda, per nulla eccezionali sul circuito olandese, e dopo sei giri ha trovato gli spazi per passare prima un Marquez molto incerottato e poi Dani Pedrosa che non ha potuto che resistergli in scia tre giri.
Per la Honda è stata veramente una giornata negativa e per Pedrosa peggio non poteva andare. Dal momento che da secondo Pedrosa ha chiuso quarto regalando a Lorenzo un bel gruzzoletto di punti.
Prima è stato passato da Rossi poi i un involontario gioco di squadra ci ha pensato Crutchlow a buttarlo giù dal podio mentre il secondo posto andava all’irriverente Marquez che già aveva beffato il suo caposquadra con un sorpasso imperiale tanta è stata la velocità con cui lo ha passato probabilmente complice un errore di cambiata.
Se le trombe annunciano il ritorno alla vittoria di Valentino i tamburi rullano per accompagnare la prestazione di Jorge Lorenzo.
Lo spagnolo operato venerdì per frattura alla clavicola è tornato ad Essen con una piastra in più e con otto chiodi ed è andato dal dott.Costa per avere l’autorizzazione a scendere in pista già nel warm up.
Premesso che siamo contrari a queste prove di forza da parte di un pilota che deve correre avvolto in strati di gommapiuma e tenuto in piedi da una buona dose di antidolorifici in quanto i riflessi ne risentono e quindi in pista si corrono rischi di peggiorare la situazione e si diventa anche un pericolo per gli altri, si deve ammettere che Lorenzo sarà pieno di difetti ma certo non gli mancano gli….attributi.
E Lorenzo, pur di non lasciar scappare Pedrosa in campionato, si è fatto issare sulla moto ed è partito come se nulla fosse insediandosi subito dopo il via in quarta posizione con Pedrosa a un tiro di schioppo.
Poi ovviamente il dolore si è fatto sentire e Lorenzo ha dovuto cedere ma alla fine ha chiuso, tra le lacrime, in quinta posizione a otto secondi da Pedrosa e con ben 12 secondi sul sesto, quel Stefan Brandl che ha dimostrato di non essere certo uno che va piano.
Nel gruppo dei primi manca, come al solito, la Ducati: Dovizioso ha chiuso in decima posizione a 33 secondi da Rossi e dietro di lui Hayden ma davanti a loro anche Bautista e Espargaro !!! In parole povere la Ducati perde oltre un secondo a giro, una vera enormità.
Nelle ultime gare sembrava che ci fosse stato qualche passo in avanti invece sul circuito olandese Dovizioso e Hayden hanno toccato con mano la cruda verità.
Non c’è proprio nulla da fare la Ducati è una malata cronica: i piloti oramai sono rassegnati e i tecnici sono di nuovo nel marasma mentale in cui era caduti con Valentino Rossi che oggi guarda caso si è tolta una bella soddisfazione ringraziando anche la Yamaha di avergli dato fiducia dopo due anni di anonimato.
Per le moto di Borgo Panigale c’è una medicina? Chissà…. ? Forse la cura migliore è quella di mettere una croce su questo pacchetto di moto e ripartire da “zero” in ottica 2014 sempre che non sia già troppo tardi e sempre che la nuova proprietà abbia la pazienza di aspettare ancora…….
Hanno detto a fine gara:

Valentino Rossi: «Sono contento ma non abbastanza, quasi non ci credo: è bello tornare a vincere dopo tanto tempo, è una sensazione incredibile Ho lavorato tanto, non ho mai mollato. Ringrazio la Yamaha che mi ha dato un’altra possibilità. Sapevo che oggi poteva essere la mia gara. “Provo a vincere”, mi sono detto. Ed è andata benissimo. Riesco a guidare meglio la moto, a essere forte in frenata e, quando voglio passare qualcuno, lo faccio. Questo è stato il più grande passo in avanti»
Dani Pedrosa:«Oggi non è un buon giorno per noi, non abbiamo fatto una bella gara. E’ vero che abbiamo finito davanti a Lorenzo, ma oggi lui ha fatto una gara strepitosa. Per come era ha fatto una cosa da tirare via il cappello. Da giovedì non avevo un buon feeling. Ho provato a fare meglio oggi ma ho visto che chiudeva davanti e scivolava dietro. All’inizio sono rimasto dietro a Rossi ma alla fine non avevo il controllo della moto, perche non avevo grip. Peccato essere fuori dal podio»
Marc Marquez: «Valentino era fortissimo. E’ tornato il vero Rossi. Complimenti per lui. Quando ho passato Pedrosa ho provato a prendere Valentino ma il suo ritmo era forte ed il braccio ha iniziato a farmi male ad avere meno forza. E’ stata una bellissima gara. Il ritmo è stato molto forte, più di quello che mi aspettassi»(Pieter Janssen)

ORDINE DI ARRIVO MOTO GP:

1. Valentino ROSSI Yamaha Factory Racing Yamaha 41’25.202
2. Marc MARQUEZ Repsol Honda Team Honda +2.170
3. Cal CRUTCHLOW Monster Yamaha Tech 3 Yamaha +4.073
4. Dani PEDROSA Repsol Honda Team Honda +7.832
5. Jorge LORENZO Yamaha Factory Racing Yamaha +15.510
6. Stefan BRADL LCR Honda MotoGP Honda +27.519
7. Alvaro BAUTISTA GO&FUN Honda Gresini Honda +31.598
8. Aleix ESPARGARO Power Electronics Aspar ART +32.405
9. Bradley SMITH Monster Yamaha Tech 3 Yamaha +33.751
10. Andrea DOVIZIOSO Ducati Team Ducati +33.801
11. Nicky HAYDEN Ducati Team Ducati +34.371
12. Randy DE PUNIET Power Electronics Aspar ART +57.674
13. Andrea IANNONE Energy T.I. Pramac Racing Ducati +1’01.424
14. Michele PIRRO Ignite Pramac Racing Ducati +1’01.561
15. Karel ABRAHAM Cardion AB Motoracing ART +1’04.426
16. Danilo PETRUCCI Came IodaRacing Project Ioda-Suter +1’11.114
17. Colin EDWARDS NGM Mobile Forward Racing FTR Kawasaki +1’15.249
18. Claudio CORTI NGM Mobile Forward Racing FTR Kawasaki +1’24.884
19. Yonny HERNANDEZ Paul Bird Motorsport ART +1’25.854
20. Hector BARBERA Avintia Blusens FTR +1’25.978
21. Bryan STARING GO&FUN Honda Gresini FTR Honda +1’26.256
22. Michael LAVERTY Paul Bird Motorsport PBM +1’26.610
23. Ivan SILVA Avintia Blusens FTR +1’38.173
ORDINE DI ARRIVO MOTO 2 – 24 GIRI:
1- Pol Espargaro – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – 24 giri in 39’51.883
2- Scott Redding – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 0.117
3- Dominique Aegerter – Technomag carXpert – Suter MMX2 – + 3.509
4- Mika Kallio – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 3.656
5- Tito Rabat – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – + 3.993
6- Johann Zarco – CAME Iodaracing Project – Suter MMX2 – + 4.073
7- Xavier Simeon – Desguaces La Torre Maptaq – KALEX Moto2 – + 9.095
8- Thomas Luthi – Interwetten Paddock Moto2 Racing – Suter MMX2 – + 12.271
9- Jordi Torres – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMX2 – + 13.745
10- Anthony West – QMMF Racing Team – Speed Up SF13 – + 16.288
11- Julian Simon – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – + 16.312
12- Randy Krummenacher – Technomag carXpert – Suter MMX2 – + 16.773
13- Louis Rossi – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 17.247
14- Marcel Schrotter – Desguaces La Torre SAG – KALEX Moto2 – + 17.980
15- Sanro Cortese – Dynavolt Intact GP – KALEX Moto2 – + 22.296
16- Alex De Angelis – NGM Mobile Forward Racing – Speed Up SF13 – + 25.825
17- Ricky Cardus – NGM Mobile Forward Racing – Speed Up SF13 – + 26.126
18- Nico Terol – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMX2 – + 29.943
19- Mattia Pasini – NGM Mobile Racing – Speed Up SF13 – + 32.967
20- Danny Kent – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 33.066
21- Ratthapark Wilairot – Thai Honda PTT Gresini Moto2 – Suter MMX2 – + 33.108
22- Axel Pons – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – + 40.301
23- Steven Odendaal – Argiñano & Gines Racing – Speed Up SF13 – + 45.433
24- Alberto Moncayo – Argiñano & Gines Racing – Speed Up SF13 – + 48.616
25- Gino Rea – Gino Rea Race Team – FTR Moto M212 – + 48.913
26- Yuki Takahashi – IDEMITSU Honda Team Asia – Moriwaki MD600 – + 1’00.853
27- Doni Tata Pradita – Federal Oil Gresini Moto2 – Suter MMX2 – + 1’25.946
28- Rafid Topan Sucipto – QMMF Racing Team – Speed Up SF13 – a 1 giro
ORDINE DI ARRIVO MOTO 3 – 22 GIRI:
1- Luis Salom – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – in 38’20.086
2- Maverick Vinales – Team Calvo – KTM RC 250 GP – + 0.122
3- Alex Rins – Team Estrella Galicia 0,0 – KTM RC 250 GP – + 0.282
4- Miguel Oliveira – Mahindra Racing – Mahindra MGP3O – + 0.378
5- Alex Marquez – Team Estrella Galicia 0,0 – KTM RC 250 GP – + 0.416
6- Jonas Folfer – MAPFRE Aspar Team Moto3 – KALEX KTM – + 19.646
7- Jack Miller – Caretta Technology RTG – FTR Honda M313 – + 27.688
8- Arthur Sissis – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – + 27.811
9- Alexis Masbou – Ongetta Rivacold – FTR Honda M313 – + 34.797
10- Niklas Ajo – Avant Tecno – KTM RC 250 GP – + 34.823
11- Isaac Vinales – Ongetta Centro Seta – FTR Honda M313 – + 35.130
12- Efren Vazquez – Mahindra Racing – Mahindra MGP3O – + 35.361
13- Niccolò Antonelli – GO&FUN Gresini Moto3 – FTR Honda M313 – + 35.523
14- Romano Fenati – San Carlo Team Italia – FTR Honda M313 – + 35.628
15- Brad Binder – Ambrogio Racing – Suter Honda MMX3 – + 35.886
16- Jakub Kornfeil – Redox RW Racing GP – KALEX KTM – + 35.948
17- Zulfahmi Khairuddin – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – + 36.169
18- Alan Techer – CIP Moto3 – TSR3C Honda – + 36.486
19- Bryan Schouten – Dutch Racing Team – FTR Honda M312 – + 36.632
20- Lorenzo Baldassarri – GO&FUN Gresini Moto3 – FTR Honda M313 – + 36.747
21- John McPhee – Caretta Technology RTG – FTR Honda M313 – + 38.583
22- Philipp Öttl – Tec Interwetten Moto3 Racing – KALEX KTM – + 50.764
23- Livio Loi – Marc VDS Racing Team – KALEX KTM – + 50.843
24- Toni Finsterbusch – Kiefer Racing – KALEX KTM – + 50.963
25- Alessandro Tonucci – La Fonte Tascaracing – FTR Honda M313 – + 51.168
26- Francesco Bagnaia – San Carlo Team Italia – FTR Honda M313 – + 51.285
27- Matteo Ferrari – Ongetta Centro Seta – FTR Honda M313 – + 51.748
28- Eric Granado – MAPFRE Aspar Team Moto3 – KALEX KTM – + 58.945
29- Ana Carrasco – Team Calvo – KTM RC 250 GP – + 1’10.891
30- Florian Alt – Kiefer Racing – KALEX KTM – + 1’37.593
31- Hyuga Watanabe – La Fonte Tascaracing – FTR Honda M313 – + 1’37.767

www.corsanews.it