Home Altri sport Motori MOTO GP:MARQUEZ VINCE IL CORPO A CORPO CON LORENZO, ANCHE ROSSI SUL...

MOTO GP:MARQUEZ VINCE IL CORPO A CORPO CON LORENZO, ANCHE ROSSI SUL PODIO

17
0
silverstone-5

silverstone-5

In pochi erano pronti a scommettere su una seconda battuta a vuoto di  Marc Marquez dopo “l’amnesia”  di Brno. Marquez si é presentato a Silvestone più…affamato che mai e lo si é visto sin dalle prove libere, poi dalla pole position al termine delle qualifiche di sabato.

Quello rivisto sulla pista inglese é il Marquez  caimano che non vuole lasciare nulla agli avversari….costi quel costi.!!!  E proprio su questa estrema determinazione il campione del mondo ha costruito la sua undicesima vittoria stagionale ma per ottenerla ha dovuto tirare fuori il meglio del suo repertorio fino a mostrare i muscoli  a uno come Jorge Lorenzo  che quando si entra  nella sfera del corpo a corpo è senza dubbio l’ultimo a tirarsi fuori.

Ed anche Lorenzo é stato il grande protagonista di una gara che in pratica si è decisa a quattro giri dal termine quando Marquez ha deciso di porre fine ai sogni di gloria di Lorenzo che al via era schizzato al comando con una delle sue solite partenze – razzo (quando gli riescono) mentre il campione del mondo non era altrettanto pronto.

Il sorpasso che le decine di migliaia di spettatori attendevano  é avvenuto ma che brividi !!!  Da rivedere sotto la lente di ingrandimento essendo tutto avvenuto ai limiti del consentito dai regolamenti con Marquez che ha letteralmente “spostato” Lorenzo. Come entrambi non siano finiti  a terra è stato un vero e proprio miracolo. Dal corpo a corpo Marquez é uscito vincitore   e da quel momento l’undicesima vittoria su dodici gare non é stata più indubbia.

Se il duello tra il duo Marquez – Lorenzo ha tenuto gli spettatori con il fiato sospeso  non meno entusiasmante la gara a tre per l’ultimo gradino del podio con protagonisti Rossi, Pedrosa e Dovizioso.  Alla fine ha avuto la meglio il “dottore” che per la prima volta é salito sul podio a Silverstone mentre Pedrosa  ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie  per avere ragione di uno straordinario Dovizioso cui evidentemente, piano piano, la Ducati permette  di riuscire a stare con i primi e di ridurre sensibilmente il divario con i primi.

Vedere al termine di una corsa di Moto Gp cinque moto racchiuse in poco piu’ di nove secondi é sicuramente garanzia di un grande spettacolo per le gare che sono ancora in calendario e Misano é alle porte.

Indubbiamente la scala dei valori vede ancora la Honda  ben salda sopra tutti, la Yamaha svolge un gran lavoro per ridurre il gap  ma non riesce a trovare quello zic necessario per vincere…Marquez permettendo.

Passi da giganti rispetto all’inizio di stagione li ha fatti e li sta facendo la Ducati cui la cura Dall’Igna comincia a fare i primi effetti. Il cammino però é ancora tanto lungo per tornare ad essere veramente competitivi. Rimane il rammarico che Dovizioso corre oramai da solo: Crutchlow, oggi dodicesimo, é oramai un ex pilota Ducati mentre Iannone non é ancora garanzia di continuità ad al livello nei momenti che contano.

A tenere compagnia alla Ducati ci sarà il prossimo anno l’Aprilia che ha deciso il fare il…grande passo. Lo farà con Bautista e Melandri. Il primo anno sarà sperimentale per arrivare poi in forze nel 2016, Una bella sfida, da circa un anno  a Noale si stava sfogliando la margherita valutando i pro e i contro in attesa sopratutto delle garanzie di stabilità dei regolamenti.

Hanno detto:

Marc Marquez: «E’ stata una gara molto divertente, non mi aspettavo un Jorge così veloce. Abbiamo fatto un po’ di fatica, ma alla fine siamo soddisfatti, la Yamaha è andata forte sia con Lorenzo che con Valentino. Sono partito piano, poi a sette giri dalla fine ho iniziato a spingere e a tre giri dal traguardo sono riuscito a passare primo».

Valentino Rossi:«Sinceramente non mi aspettavo di più, Lorenzo e Marquez sono andati veramente forte. Mi sarebbe piaciuto lottare con loro, ma ho perso tempo all’inizio con Dovizioso e Espargaro. A un certo punto la gomma è iniziata a scivolare e ho dovuto rallentare. Per me è il primo podio a Silverstone, non ci ero mai riuscito e sono molto contento. Ora con la squadra dobbiamo lavorare ancora per poter lottare con Marc e Jorge fino alla fine».

Jorge Lorenzo: «Marquez ha una guida molto aggressiva, ci siamo toccati, ma questo devono giudicarlo i giudici. Io faccio la mia gara, non potevo staccare di più e non è facile lottare con lui. Oggi era lui il favorito, noi poco a poco abbiamo migliorato la moto per tenere la gomma dura che ci dà sempre problemi. Io ho guidato al limite, ero molto veloce ma quando sono calato mi ha superato e a quel punto non potevo girare più come lui anche perché ero stanco. Abbiamo ancora molta strada per migliorare, ma sono contento. Ogni gara stiamo facendo un lavoro lungo e duro, ma miglioriamo»

Andrea Dovizioso:“Oggi possiamo dire che la quinta posizione ci sta un po’ stretta! Ho lottato per tutta la gara con Valentino e Dani per il podio, ma ero più lento di loro in tre o quattro curve: perdevo davvero tanto di grip e non ho potuto fare la strategia che volevo. Riuscire però a stare con loro fino alla fine è davvero una bella soddisfazione. Abbiamo lavorato bene durante tutto il weekend e il risultato è la conferma dei miglioramenti che stiamo facendo. Riuscire a finire la gara con meno di dieci secondi di gap dai primi era quasi un sogno prima di partire, ma invece ci siamo riusciti e siamo sempre stati in lotta per il podio.”

 Cal Crutchlow :“Sono soddisfatto di aver concluso la gara, perché uno dei nostri obiettivi per questo weekend era di percorrere l’intera distanza di gara e ci siamo riusciti. Ovviamente non posso essere contento della mia posizione finale, ma prima della gara abbiamo voluto rischiare scegliendo la gomma anteriore dura con la quale non avevo però compiuto neanche un giro durante tutto il weekend. Purtroppo in gara ho commesso molti errori, e il dodicesimo posto nella mia gara di casa non è certamente il risultato che volevo.”

 Luigi Dall’Igna (Direttore Generale Ducati Corse):“Con il secondo posto di Dovizioso nelle qualifiche e il quinto in gara, siamo soddisfatti del risultato di questo weekend. Arrivare al traguardo con un distacco di meno di dieci secondi dal vincitore era uno dei nostri obiettivi: oggi ce l’abbiamo fatta ed è un risultato importante, che ci da uno stimolo in più per continuare a lavorare sodo. Non siamo ancora pronti per lottare per la vittoria, ma stiamo riducendo il nostro gap dai primi a fine gara. Voglio ringraziare la squadra e tutti i ragazzi che stanno lavorando su questo progetto in Ducati Corse, perché si impegnano sempre al 100% e questi miglioramenti ci danno una grande motivazione e ci fanno capire che stiamo andando nella direzione giusta. Ora ci aspetta Misano, la nostra seconda “gara di casa”, dove proveremo a regalare ancora delle soddisfazioni ai ducatisti e a tutti i nostri tifosi.” (John Sturm)

ORDINE DI ARRIVO:

1 Marc MARQUEZ SPA | Repsol Honda Team | Honda | 40’51.835

2 Jorge LORENZO SPA | Movistar Yamaha MotoGP | Yamaha | +0.732

3 Valentino ROSSI ITA | Movistar Yamaha MotoGP | Yamaha | +8.519

4 Dani PEDROSA SPA | Repsol Honda Team | Honda | +8.694

5 Andrea DOVIZIOSO ITA | Ducati Team | Ducati | +9.238

6 Pol ESPARGARO SPA | Monster Yamaha Tech 3 | Yamaha | +24.746

7 Stefan BRADL GER | LCR Honda MotoGP | Honda | +26.717

8 Andrea IANNONE ITA | Pramac Racing | Ducati | +26.910

9 Aleix ESPARGARO SPA | NGM Forward Racing | Forward Yamaha | +33.455

10 Scott REDDING GBR | GO&FUN Honda Gresini | Honda | +39.094

11 Yonny HERNANDEZ COL | Energy T.I. Pramac Racing | Ducati | +40.255

12 Cal CRUTCHLOW GBR | Ducati Team | Ducati | +43.027

13 Karel ABRAHAM CZE | Cardion AB Motoracing | Honda | +52.245

14 Hiroshi AOYAMA JPN | Drive M7 Aspar | Honda | +58.981

15 Alex DE ANGELIS RSM | NGM Forward Racing | Forward Yamaha | +59.164

16 Leon CAMIER GBR | Drive M7 Aspar | Honda | +1’05.680

17 Michael LAVERTY GBR | Paul Bird Motorsport | PBM | +1’10.939

18 Danilo PETRUCCI ITA | Octo IodaRacing Team | ART | +1’16.834

19 Hector BARBERA SPA | Avintia Racing | Avintia | +1’16.904

20 Mike DI MEGLIO FRA | Avintia Racing | Avintia | +1’34.939

21 Broc PARKES AUS | Paul Bird Motorsport | PBM | +1’38.442

22 Bradley SMITH GBR | Monster Yamaha Tech 3 | Yamaha | 1 giro

Alvaro BAUTISTA SPA | GO&FUN Honda Gresini | Honda | 2 giri

corsanews.it