Home Calcio Focus Genoa/Samp - Professionisti PAIOLO D’ORO DI STORO CONSEGNATO A DAVIDE LUPPI

PAIOLO D’ORO DI STORO CONSEGNATO A DAVIDE LUPPI

12
0
luppi

luppi

Applausi a scena aperta hanno accompagnato sabato sera la consegna del Paolo d’oro di Storo a quattro giocatori dell’Hellas Verona protagonisti della serata con i tifosi in centro Storo.

Si è trattato di una delle manifestazioni collaterali promosse dal Consorzio Turistico del Chiese, dal Comune di Storo e dal Calcio Chiese, in collaborazione con il Bim del Chiese, per arricchire i giorni di ritiro della squadra di Verona del presidente Maurizio Setti.
E’ stato così a metà luglio con la presentazione del Pisa di Gattuso a Darzo, nella piazza nobilitata dal gigantesco affresco che ricorda l’epopea della miniera di Darzo (www.minieredarzo.it), e l’emozione si è ripetuta nella piazza del Municipio di Storo nella chiacchierata che ha coinvolto Davide Luppi, Marco Ezio Fossati, l’argentino Franco Zucolini e Simoneandrea Ganz, quattro nuovi arrivi per la società scaligera.
Il sindaco Luca Turinelli e Nicola Zontini, vicepresidente del Consorzio Turistico e presidente della locale Pro Loco hanno consegnato a Davide Luppi il premio divenuto ormai tradizionale per la valle del Chiese. Negli loro interventi hanno enfatizzato il valore promozionale dei ritiri in chiave turistica, sia per la presenza in valle di ospiti-tifosi ma anche in ottica futura per la possibilità di promuovere gli eventi organizzati nel Chiese. Concetti ripresi anche da Luca Mezzi, vicepresidente del Bim. Ad accogliere i quattro giocatori (accompagnati da Matteo Viscione e Alberto Pecchio, dell’area Comunicazione&Media dell’Hellas) c’erano anche gli assessori Fabio Marini, Stefania Giacometti e il presidente del Calcio Chiese Ferruccio Moneghini.
E’ invece saltata a causa del maltempo l’amichevole prevista per il pomeriggio di domenica con la squadra greca del Panetolikos. “E’ stata una decisione sofferta, presa di comune accordo con il presidente dell’Hellas Maurizio Setti, il Ds Filippo Fusco e il team manager Sandro Mazzola – spiega il presidente del Consorzio Turistico Valle del Chiese Massimo Valenti – allo scopo di tutelare l’integrità fisica dei giocatori che tra meno di una settimana faranno l’esordio in Coppa Italia. Le condizioni del campo a mezzogiorno erano disastrose per le ripetute bombe d’acqua cadute su Storo. Impossibile prevedere di far disputare una partita dalle corrette caratteristiche tecniche con simili condizioni del terreno di gioco, quasi allagato dai tre acquazzone caduti nel giro di due ore”.
Di fatto gran parte del tappeto erboso si presentava coperto d’acqua nonostante il lavoro di preparazione del campo garantito dal Comune di Storo e dal Calcio Chiese, coprotagonisti del ritiro curato dal Consorzio Turistico valle del Chiese. Di qui la decisione presa allo scopo di avvisare per tempo i tifosi in viaggio per il Chiese. Beffa delle beffe nel primo pomeriggio è uscito un sole estivo con il classico cielo azzurro della valle del Chiese. E anche per questo – grazie ad un accordo Hellas-Consorzio turistico del Chiese – ai circa cento tifosi veronesi giunti a Storo nonostante l’annuncio dell’annullamento della partita la società veronese garantirà un omaggio-fedeltà. Per questo i cui nomi dei tifosi sono stati raccolti e trasmessi all’Hellas.
E’ già previsto che la squadra di Mister Pecchia tornerà a Storo il 20 o 21 agosto per giocare l’ultima amichevole della stagione prima dell’esordio in campionato di Serie B previsto per la settimana successiva.
Quello avviato tra la valle del Chiese e l’Hellas Verona è un rapporto che proseguirà questa settimana con il ritiro della squadra Primavera e poi con una serie di azioni concordate durante per l’inverno per promuovere eventi e proposte turistiche di questa angolo del Trentino.
Poi nella seconda metà di agosto arriverà a Roncone l’Under 14 del Bayern Monaco. Un tocco di internazionalità per la valle del Chiese che proseguirà a settembre con la manifestazione di auto storiche promossa dall’Adac ovvero l’Aci di Germania.

Credits: Francesco Grigolini