Home Altri sport Motori Passato e futuro per lo Scorzè di Xmotors Team

Passato e futuro per lo Scorzè di Xmotors Team

64
0
Ivan Agostinetto - Rally Città di Scorzè 2020 (Foto Fotosport)

Maser (TV) – Arriva il mese di Agosto e vien naturale pensare alle vacanze estive ma per il Triveneto rallystico il significato è ben diverso e nella mente degli appassionati c’è posto soltanto per il Rally Città di Scorzè, uno degli eventi più amati ed attesi nel calendario.

Nonostante l’anomalia primaria, trattandosi di un evento totalmente in pianura, il valore aggiunto portato dall’elevato livello di organizzazione rende irrinunciabile questa trasferta.

Saranno due i portacolori di Xmotors Team impegnati i prossimi 31 Luglio e 1 Agosto, a partire da un Ivan Agostinetto che, dopo aver vissuto le ultime tre edizioni al volante di una vettura da assoluta, andrà a rispolverare una Mitsubishi Lancer Evo X per puntare al produzione.

Il pilota di Saccol di Valdobbiadene sarà affiancato dall’esperto Paolo Cargnelutti.

“Quest’anno, a causa dei troppi impegni lavorativi, siamo arrivati ad Agosto per affrontare la prima gara” – racconta Agostinetto – “ed è una situazione che si ripete da qualche anno, purtroppo o per fortuna. Dopo tre anni vissuti su una R5 abbiamo deciso di utilizzare la Mitsubishi Lancer Evo X, gruppo N, di Michele Piccolotto. Non avevo mai corso con questa vettura ed ero curioso di provarla. Nel 2017, qui a Scorzè, con una Subaru Impreza avevamo chiuso secondi di classe ed ottavi assoluti ma quest’anno, con la mandria di R5 che ci sarà al via, sarà quasi impossibile ripetere lo stesso risultato. Dopo tre edizioni consecutive con l’amico Roberto Scopel al mio fianco ho dovuto cambiare, quest’anno, perchè me lo ritroverò da rivale.”

Reduce dal buon secondo posto di classe S1600 al Bellunese dal prossimo Città di Scorzè inizierà il cammino di Giampaolo Bizzotto nel R Italian Trophy, alla guida di una Peugeot 208 Rally 4 messa a disposizione da PR2 Sport e condivisa con Sandra Tommasini alle note.

Un particolare feeling, quello del pilota di Tombolo con gli asfalti dell’entroterra veneziano, lo candida di diritto nella rosa dei pretendenti alle posizioni di vertice tra le anteriori, ricordando anche il secondo posto assoluto siglato nell’edizione del 2019 su una Skoda Fabia R5.

“Partiamo per un’avventura del tutto nuova” – racconta Bizzotto – “perchè inizieremo un programma dedicato nel R Italian Trophy con la Peugeot 208 Rally 4 di PR2 Sport. Al mio fianco avrò sempre Sandra, con la quale abbiamo chiuso secondi assoluti due anni fa. Non correremo con una vettura da assoluto quindi non lotteremo per la classe regina, avendo una due ruote motrici, ma cercheremo di dare il massimo. Gara atipica ma sempre molto insidiosa. Con gli organizzatori e con tutto lo staff abbiamo stretto una bella amicizia, ci tengo sempre ad essere presente in questa gara. Sarà, come ogni anno, una gran bella festa, una torrida festa.”

Otto le prove speciali in programma per la sola giornata di Domenica 1 Agosto, ad iniziare dalla prima tornata su “Noale” (3,80 km), “Fassinaro” (10,15 km) e “Zero Branco” (7,40 km).

Si proseguirà con la ripetizione delle stesse, con riduzione della seconda denominata “Mini Fassinaro” (4,80 km), per concludere la sfida nuovamente sulla “Noale” e sulla “Fassinaro”.