Home Sport squadra Basket PRE GARA VIRTUS CAGLIARI-SAN SALVATORE SELARGIUS

PRE GARA VIRTUS CAGLIARI-SAN SALVATORE SELARGIUS

13
0
La grinta di Anna Lussu Foto Mauro Mascia

La grinta di Anna Lussu Foto Mauro Mascia

foto Mauro Mascia

Primo derby stagionale ma anche nuovi pesantissimi punti in palio nella corsa salvezza.

Il San Salvatore Selargius si appresta a far visita (domani alle 18, via Pessagno) alle cugine della Virtus Cagliari per il turno infrasettimanale del campionato di serie A2 femminile di basket. La squadra di Carla Tola è ancora a secco di vittorie. Un dato che non sembra offrire valide indicazioni a coach Fabrizio Staico. “Sono ultimi in classifica ma non vuol dire assolutamente nulla – dice il tecnico della formazione giallonera – la Virtus è una squadra che da anni gioca stabilmente in A2 e un motivo ci sarà. Personalmente mi sento di dire che nonostante i due punti conquistati finora in campionato, siamo noi a partire sfavoriti”. Squadre abbastanza diverse tecnicamente ma con uno spessore caratteriale che si annullerà nella sicura bolgia del palaRestivo. “La Virtus è una squadra piuttosto diversa da noi – continua Staico – ha tra le sue fila una giocatrice dal peso specifico di Laura Nicolini, un’atleta capace di gestire il ritmo e prendersi sulle spalle la squadra, oltre ad avere la capacità di far entrare in partita le compagne”. Esisterà pure, però, qualche arma dalla parte del San Salvatore. “Forse abbiamo qualcosa in più nel ruolo delle semi-lunghe, con alcuni elementi in grado di fare la giocata anche lontano da canestro – continua Staico – ma in fatto di agonismo e cattiveria sarà un derby e come tale i valori si annulleranno a vicenda”. La regola per espugnare il palaRestivo e caricare le ragazze prima della gara? “Intanto occorrerà  avere continuità di rendimento nei 40’ ma anche assenza di inutile frenesia – conclude il coach del Selargius – e poi cercare di tenere un ritmo alto fino alla sirena finale. Alle ragazze ho detto che noi tutti, io per primo, fino all’anno scorso queste gare le andavamo soltanto a vedere. Traetene voi le conclusioni”.