Home Altro Varie Razzismo “istituzionale” in Belgio contro gli italiani: “Sporco italiano”, Domenico e il...

Razzismo “istituzionale” in Belgio contro gli italiani: “Sporco italiano”, Domenico e il fratello 16enne molestati dalla polizia a Charleroi

46
0

Venerdì sera, la partita inaugurale di Euro 2020 ha visto la Turchia contro l’Italia. A Charleroi, la città più popolosa della Vallonia, in Belgio, è stato un evento speciale perché le comunità turche e italiane sono presenti numerose in città. Dopo il successo per 0-3 dell’Italia, molti tifosi di Squadra Azzura hanno tirato fuori maglie, bandiere e clacson per fare rumore. Ma la serata è finita male per due di loro. Domenico Lambeau (24) e il suo fratellino di 16 anni, Tiziano, hanno trascorso parte della notte dal venerdì al sabato nelle segrete. “Sono rimasto lì per tre ore mentre mio fratello è stato rilasciato dopo un’ora”, dice l’uomo. L’origine di questa disavventura? Ci dà la sua versione dei fatti: “Tiziano è sceso dalla macchina per fare festa. Era a piedi. Ho parcheggiato alla rotonda vicino al parco Reine Astrid per prenderlo. Verso le 23:00, 23:30, la polizia mi ha chiesto di non rimanere lì. Ma mentre Tiziano stava per raggiungermi, la polizia lo ha afferrato per il collo e lo ha gettato a terra. Lo hanno persino soffocato con la sua bandiera italiana che portava al collo. Tuttavia, il mio fratellino ha l’asma. Per fortuna non ha avuto un attacco d’asma. Aveva davvero paura”. Sulle immagini del video che abbiamo ottenuto, possiamo infatti vedere un agente di polizia che afferra per il collo Tiziano Lambeau quando non si dibatteva. Tuttavia, la scena con la bandiera non compare nella registrazione.Mentre assisteva al placcaggio di suo fratello, non ha potuto fare a meno di reagire: “Sono sceso dal mio veicolo per andare a vedere cosa stava succedendo e direttamente, altri dieci agenti di polizia si sono precipitati su di me”. Secondo quanto riferito, sono stati scambiati insulti: “Sì, ero arrabbiato. Ma mi hanno anche insultato. Mi hanno chiamato stronzo, uno stronzo o uno sporco italiano. Mi hanno detto che mi vergognavo e che mi avrebbero scopato se mi fossi mosso di più”.I due fratelli hanno subito le conseguenze fisiche della serata: “La polizia ha stretto le manette così forte che i miei polsi sono tutti blu. Ho la faccia, il gomito e le ginocchia graffiate, bruciate, perché mi hanno trascinato a terra mentre ero ammanettato. Fa così male che non riesco più a camminare. Tiziano ha avuto una commozione cerebrale e si è graffiato”. Poi ci sono stati anche danni materiali: “L’ho saputo solo dopo, perché in quel momento ero già sul furgone della polizia. Ma durante l’operazione, la mia macchina è stata graffiata. Mia moglie ha chiamato gli agenti per farglielo notare. Hanno detto: ‘Non ci sono graffi. Chiudi la bocca o prendiamo a bordo anche te!’” Infine, questa situazione lo ha quasi danneggiato a livello professionale: “Il mio datore di lavoro pensava che avessi fatto un casino. Per fortuna le immagini del video hanno fatto chiarezza. Mi hanno concesso tre settimane di inabilità al lavoro. Ma ne prendo solo uno perché hanno bisogno di me e non voglio scivolare via”.Insieme al fratello, Domenico presenterà denuncia al Comitato P. In quanto ente esterno, il Comitato P indaga e riferisce sul funzionamento delle forze dell’ordine. “L’appuntamento è già preso con il nostro avvocato” ci fa sapere il nostro interlocutore. Tuttavia, racconta che un agente ha fatto di tutto per dissuaderlo: “Mi ha detto che se ci fossimo lamentati, sarebbe stato un male per noi. E che in ogni caso non vinceremmo mai la nostra causa, perché la polizia è protetta dai tribunali”. Contattato dai media, il portavoce della polizia di Charleroi, David Quinaux, non ha potuto commentare il caso: “Non ho visto le immagini. Non sono consapevole. Finora non è stata presentata alcuna denuncia”.Tuttavia, conferma che ogni individuo ha diverse possibilità quando ritiene di essere stato vittima di un errore della polizia: “Esistono tre organi di controllo: il Comitato P, l’ispettorato generale e un servizio di controllo interno. A loro si possono presentare reclami. Quando questo è il caso, fanno le indagini”. Ricorda anche la legge sull’arresto amministrativo: “La polizia ha tutto il diritto di usare la forza strettamente necessaria per mantenere o ristabilire l’ordine, la sicurezza e la tranquillità pubblica. È sufficiente che un cittadino non risponda a un’ingiunzione della polizia o mostri resistenza. Sai, quando succede, la polizia raramente ha a che fare con i chierichetti. E all’improvviso diventano angeli”.Tuttavia, i video che fioriscono sui social spesso minano gli interventi delle forze dell’ordine. Ovviamente immortalano un momento M. A volte sono salutari come durante l’omicidio di George Floyd da parte di un rappresentante dell’autorità pubblica negli Stati Uniti. Servono quindi come prova. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si tratta di offese e comportamenti inaccettabili che provengono dalle istituzioni che hanno e che per loro natura dovrebbero svolgere un servizio senza preconcetti e pregiudizi. Ancora una volta, nell’ottica di vicinanza ai migliaia di nostri connazionali che risiedono stabilmente all’estero costituendo una fondamentale forza lavoro per le imprese d’Oltralpe, chiediamo l’intervento delle Nostre, a partire dalla Farnesina che attraverso la rappresentanza diplomatica in quel paese dovrebbe ufficialmente stigmatizzare il comportamento o pretendere scuse da parte della Polizia belga e a verificare attraverso un’approfondita indagine se gli italiani vengono discriminati dall’autorità.

www.sportellodeidiritti.org