Home Altri sport Sa.Spo. Cagliari – Gli orizzonti si allargano con i lanci

Sa.Spo. Cagliari – Gli orizzonti si allargano con i lanci

39
0
Gli atleti della Sas.Spo Cagliari con i tecnici Katia Pilia, Antonio Murgia e il dirigente Claudio Secci

Provare scenari agonistici inediti. La nuova scommessa della Sa.Spo. Cagliari comincia dallo Stadio dei Pini “Tonino Siddi” di Sassari, dove per la prima volta nella sua gloriosa storia, ha partecipato, con ben quattro tesserati, alla prova territoriale prevista nel programma Coppa Italia Lanci. La manifestazione si è potuta organizzare grazie alla FISPES (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali) Sardegna che ha operato in stretta sinergia con il Comitato Provinciale di Sassari della Fidal Sardegna e la Polisportiva Luna e Sole di Sassari.
La comitiva partita dal Campidano era composta in realtà da cinque azzurrini, poiché oltre ai lanciatori Giangiacomo Bonomo, Roberto Musio, Fabrizio Minerba e Mattia Cardia era presente l’astro nascente terralbese Riccardo Campus che ha preso parte esclusivamente ad un programma “extra”, comprendente la disputa di due gare su pista (400 mt-800 mt) utili per il raggiungimento dei tempi minimi in vista degli Assoluti di Concesio (Brescia), fissati per il 3-4 luglio 2021.
Anche i suoi compagni di scuderia ne hanno approfittato per partecipare sia ai lanci, sia alle corse, monitorati costantemente dal tecnico e vicepresidente Sa.Spo. Antonio Murgia, dall’allenatrice Katia Pilia e dal dirigente Claudio Secci.
In definitiva, in una giornata dove non erano previsti podi e medaglie, la rappresentativa saspina oltre a divertirsi un sacco, ha ottenuto delle valide indicazioni sotto l’aspetto prettamente atletico.
I verdetti scaturiti dalle pedane dicono che ad esclusione di Mattia Cardia nel Giavellotto classe F12, per il resto si sono ottenuti i pass per gli Italiani. Lo stesso campione di Villanovafranca si è aperto una breccia nel Disco F12, mentre l’unico veterano della disciplina, Roberto Musio, arriva alla meritata destinazione, confermandosi in Disco e Peso (F36). Stesso dicasi per Giangiacomo Bonomo (Disco F12) e Fabrizio Minerba (Peso F37).
Sul fronte della velocità stacca il biglietto per i tricolori bresciani Riccardo Campus (T37) che nei 400 si migliora di quasi tre secondi e negli 800 di uno. Lo imitano Cardia (100 T12), Minerba (100 T37), Bonomo (400, 800 T12). Peccato per Musiu che nei 100 T36 fallisce l’obiettivo per un solo centesimo di secondo.
I protagonisti si gratificano reciprocamente perché, considerati i tempi che corrono, allenarsi con continuità è un’impresa. C’è chi lo sta facendo da una quindicina di giorni (per due volte alla settimana) o chi può calpestare il fondo di una pista di atletica solo una volta alla settimana, come Riccardo che nel suo paese segue scrupolosamente una scheda tecnica specifica prima di verificarne gli effetti su un impianto con tutti i crismi. E per lui sabato prossimo (13 marzo 2021) ci sarà un’importante opportunità a Sassari perché è stato convocato ad un raduno dell’Academy FISPES che coinvolge le migliori speranze paralimpiche dell’atletica.
Anche gli altri fanno quello che possono, ritagliandosi dei momenti in cui possono dedicarsi alla preparazione.
Un po’ di serenità la si legge negli occhi dei tecnici che per cause di forza maggiore sono costretti ad agire al rallentatore per via delle continue restrizioni. “L’esperienza sassarese è stata una boccata di normalità – conferma Katia Pilia – perché, anche se in pochi, ci siamo fatti coraggio col sorriso. I nostri atleti hanno ricevuto un incentivo per i prossimi appuntamenti con le due prove territoriali dei Campionati Italiani Societari (previste ad aprile – maggio e luglio – settembre) le cui finali si disputeranno ad ottobre 2021”.
Anche il responsabile del settore atletica FISPES della Sa.Spo Antonio Murgia è sulla stessa lunghezza d’onda della collega: “Abbiamo trascorso una bella esperienza – introduce – seppur senza non alcuna velleità di classifica; però era giusto partecipare per movimentare un po’ il nostro bacino di atleti. L’aver incluso anche le corse è stato importante perché i ragazzi hanno avuto l’opportunità di tornare in confidenza con meccanismi purtroppo sopiti. Spero che la zona bianca rimanga una costante in Sardegna perché potrebbe rimettere in gioco i nostri tesserati impegnati in un settore, quello promozionale, che a noi preme particolarmente. Vorrei sottolineare l’ottima condotta da parte della società Luna e Sole Sassari che ha orchestrato una macchina organizzativa efficiente, accogliente e impeccabile grazie alla sua presidentessa Tiziana Secchi”.

RISULTATI

Mattia Cardia (T/F12): 100 mt (13.51) – Giavellotto (14.72 mt) – Disco (17.5 mt)
Gian Giacomo Bonomo (T/F12): 400 (1:18.07) – 800 (3:02.22) – Disco (15.21)
Roberto Musiu (T/F36): 100 (19.96) – Peso (5.55) – Disco (15.60)
Fabrizio Minerba (T/F37): 100 (17.78) – 400 (1:27.91) – Peso (5.69)
Riccardo Campus (T37): 400 (1:14.18) – 800 (2:51.89)