Home Sport squadra Pallavolo Sul tetto d’Europa c’

Sul tetto d’Europa c’

18
0

La formazione di Carlo Parisi ribalta il parziale della gara di andata e mette le mani sulla Coppa

E’ tutto pronto nel tempio della pallavolo, il PalaYamamay, per la gara di ritorno della finalissima di Coppa Cev tra Yamamay Busto Arsizio – Galatasaray Istambul. La formazione di Carlo Parisi dopo la gara amara in Turchi (sconfitta 3-1) è pronta questa per ribaltare il parziale di svantaggio. Nesic è avvantaggiato nel punto ma le “farfalle” bianco-rosse saranno, questa volta, spinta da oltre 5000 tifosi giunti per portare la Yamamay sul tetto d’Europa e timbrare ancora una volta l’appuntamento con la storia. Prima dell’inizio del match la capitana della Yamamay Busto Arsizio, Helena Havelkova, ha ricevuto il prestigioso premio come migliore giocatrice assegnato dalla Gazzetta dello Sport.

Carlo Parisi è costretto ancora a rinunciare ad una delle sue giocatrici fondamentali Helena Havelkova, a causa di un problema riscontrato nella rifinitura di questa mattina. Le insidie dall’altra parte della rete sono Calderon, Eric e per ultima,ma non ultima la regista delle turche Eleonora Lo Bianco.   

In una cornice di pubblico a dir poco fantastica la Yamamay, nel primo set, come nella gara di andata la formazione di Carlo Parisi inizia con un attimo di black out e subisce il parziale di 4-0. Le bianco-rosse danno la svolta al set portandosi avanti al primo tempo tecnico e non lasciando più le redini del match (8-7). La Yamamay mette il piede sull’acceleratore e vola a chiudere il set con Havlickova 25-19.

Nel secondo set si assiste ad un totale black-out della formazione di Nesic e ad una super Yamamay che si dimostra superiore in tutto in questa fase. La crisi di Lo Bianco e Calderon e la ripresa di Marcon e di una grandissima Lloyd affondano le Turche 2 set a 0. La formazione di Parisi cresce sia in attacco che in difesa con un ottimo 62 % in ricezione e 61 % in attacco.

Nel terzo set la Yamamay sembra averci preso gusto, ma il Galatasaray non ci sta a cedere così facilmente. Dopo una lunga lotta punto a punto ad avere la meglio è proprio la formazione Turca che chiude i giochi della terza frazione con Calderon (23-25). La Yamamay registra in questo ser un calo sia in difesa che in attacco di quasi il 50% e paga la fatica ad andare a terra dei sui martelli (Havlickova 21%, Meijners 25%).

Nel quarto se la Yamamay mette subito davanti la testa affidandosi alle sue punte di diamante. Il set prosegue in favore delle padrone di casa che rispondono bene a tutti gli attacchi avversari e mettono a segno il break decisivo di 3-0 nel finale di set (23-20). Dopo due match ball annullati la Yammay decide che non c’è più tempo per sbagliare e chiude i giochi del match con Meijners (25-23). Set disastroso in difesa per le ospiti (17%) contro un attacco ch va a se

Il Golden set decisivo inizia subito con lo sprint Yamamay che si porta subito in vantaggio (8-3). Bauer accelera e mette la Yamamay davanti a tutti e chiude i giochi, che fanno scoppiare la festa bianco-rossa chiudendo il match 15-9.

 

Il cielo si tinge di bianco-rosso sopra tutta Europa perché i campioni sono loro : la Yamamay Busto Arsizio. La Yamamay riceve anche, come da copione, il premio per l’MVP assegnato ad Havlickova, anche miglior realizzatrice di gara con 25 punti all'attivo.

La formazione di Carlo Parisi per la seconda volta in due anni scrive la storia della Coppa Cev e mette il timbro anche sull’edizione 2012 di questa prestigiosissima Coppa Europea. I complimenti vanno ad un team fantastico, che sta mettendo in scena una stagione davvero perfetta, con una regular season perfetta, vittoria della Coppa Italia e vittoria della Coppa Cev ora manca solo lo Scudetto.Complimenti !!

 

 

La Cronaca :

Questi gli starting six al fischio d’inizio del direttore di gara :

Yamamay Busto Arsizio: 3 Lloyd, 4 Havlickova, 5 Dall'Ora, 6 Leonardi (L), 7 Marcon, 8 Bauer, 9 Meijners. All. Carlo Parisi, 2a all. Mariela Codaro.

Galatasaray Istanbul: 1 Eric, 3 Miletic, 5 Bilgi (L) ,7 Hanikoglu, 8 Ozec, 12 Calderon Diaz, 14 Lo Bianco. All. Dragan Nesic, 2° Resat Arig.

Arbitri: HUDIK Martin, PONT Juan

 

Primo set, come all’andata la Yamamay fatica subito in inizio di set e subisce un sonoro parziale di 4-0 e Carlo Parisi è costretto al time out. Al rientro in campo Meijners e Dall’Ora lanciano la riscossa e il muro ad uno su Calderon riporta la parità (5-5). La sirena del primo tempo tecnico arriva con la Yamamay in vantaggio di una lunghezza grazie all’attacco out di Calderon (8-7). Al rientro in campo la Yamamay aumenta la marcia e si porta a tre lunghezze grazie al bagher in appoggio di Lloyd in azione di difesa (10-7). Le bianco-rosse sul turno di servizio di Meijners inchiodano le avversarie sul punto numero 7 e volano a sei lunghezze (13-7). L’errore in bagher di Calderon e l’ace di Aneta Havlickova spingono le padrone di casa a più sette al secondo tempo tecnico (16-9). Galatasaray prova a ridurre il gap con Calderon e Hanikoglu, ma la Yamamay risponde colpo su colpo e rimane a sette lunghezze (20-13). Miletic prova a rialzare la propria squadra (20-16), ma la Yamamay è determinata a mettere in cassaforte il set e la palla di Havlickova regala ben sei set ball (24-18). La prima palla set viene annullata dal mani out di Hanikoglu, è buona la seconda per la Yamamay che chiude i giochi del primo set con Havlickova sul 25-19.

 

Secondo set, inversione di tendenza rispetto al precedente set con la Yamamay, che grazie ad una Marcon rigenerata rispetto al match di andata, al primo tempo tecnico doppia nel punteggio le ospiti (8-4). Bauer continua a lavorare bene al centro e va a terra a ripetizione portando la Yamamay a sei lunghezze e costringendo Nesic al time out (11-5). La corsa della Yamamay prosegue e sembra non volersi più arrestare. Meijners fa suonare la campanella del secondo tempo tecnico con la Yamamay che conduce con il doppio dei punti delle ospiti (16-8). Galatasaray fatica a tenere gli attacchi delle ospiti e non gestisce bene in regia con Lo Bianco, che fatica molto e affonda sotto i colpi dei martelli bianco-rossi che spingono a più dieci la Yamamay (20-10). La Yamamay continua a camminare sui resti di un Galatasary disfatto in questo in set e il servizio in rete di Calderon regala qualcosa come undici set ball (24-13). E’ buona la prima per Busto che chiude i giochi anche del secondo set con il muro di una splendida Carli Lloyd su Miletic (25-13).

 

Terzo set, la Yamamay ormai sembra averci preso la mano e parte forte anche nel terzo parziale, sfruttando gli errori avversari e andando a segno a ripetizione (6-4). La sirena del primo tempo tecnico suona grazie a Marcon che mette a terra un missile (8-5). Il doppio muro di Calderon rilancia le ospiti, che prima tornano in parità (11-11) e poi mettono la freccia del sorpasso grazie ad Eric (11-15). Non è fatto nulla perché la Yamamay sfruttando l’errore di Calderon e murando con Meijners su Hanikoglu si incolla nuovamente alle ospiti (15-15). Situazione di parità che prosegue con le due formazione determinate a lottare punto a punto (18-18). Galatasaray mette a segno il break del più due (18-20), ma come da copione la Yamamay recupera subito e grazie ace di Lotti torna nuovamente in parità (20-20). L’ace di Lo Bianco segna un nuovo più due avversario, ma il muro e l’attacco di Bauer riducono a uno il margine (22-23) . Calderon prima disfa con l’errore in pallonetto e poi si riprende e chiude i giochi con due attacchi splendidi (23-25). 

 

Quarto set, Calderon e Ozec provano a tenere a bada la Yamamay, ma non c’è nulla da fare contro i martelli Havlickova e Meijners, che vanno a segno a ripetizione e portano la Yamamay in vantaggio 8-3 al primo tempo tecnico. La compagine bianco-rossa mette il turbo e il doppio ace di Havlickova lancia il volo delle “farfalle” (13-5). Il Galatasaray si fa sentire solo a sprazzi con Eric, la neo entrata Ilyasoglu e la solita Calderon che accorcia il margine a solo un punto grazie al muro sulla palla di seconda di Lloyd (15-14). L’attacco out di Marcon e la palla messa a terra da Miletic ristabiliscono la parità (17-17). Continua il botta e risposta tra le due squadre, ma ad avere la meglio è la Yamamay che con Havlickova si porta a tre lunghezze (23-20).  Havlickova perfora ancora una volta il muro avversario e ora la Yamamay ha l’opportunità di chiude il match e volare al golden set dove si deciderà la partita (24-21). I primo due match ball vengono annullati, ma alla terza occasione Meijners mette a segno la parallela che chiude i giochi del match 25-23.    

 

Golden set, inizio perfetto per la Yamamay che mette a subito a segno il break, grazie ad un ottimo lavoro muro-difesa (6-2). Il Galatasaray non trova la reazione e rimane inchiodato sul punto numero 3 e Havlickova regala il più cinque al cambio campo (8-3). Solo Ilyasoglu prova a tenere in piedi le speranze delle giallo-rosse che si trovano a dover recuperare quattro punti (10-6). Lotti manda il servizio in rete ma ci pensa subito dopo Calderon a replicare l’errore e lasciare invariate le distanze (12-7). Il primo tempo di Bauer regala la palla che può mettere la Yamamay sul tetto d’Europa (14-8). La prima palla viene annullata ma ci pensa il mani out di Bauer a chiudere i giochi del match e a far accendere la festa bianco-rossa (15-9).

 

Roberto Bojeri