Home Calcio Calcio Dilettanti TARROS SARZANA – RAPALLO 4 – 1

TARROS SARZANA – RAPALLO 4 – 1

9
0
oligieri

oligieri

TARROS SARZANA – RAPALLO 4 – 1

TARROS SARZANA: Giubasso, Costa, Favasuli, Dura (80’ Isoppo), Forieri, Bertolla, Bottigliero, Villa, Vierucci, Lamioni (65’ Pizzica), Calò (57’ Ciuffardi). All. Plicanti.
RAPALLO: Ceccarini, Solari, Cavano, Bianchi, Di Fraia, Micheli, Arru, Mosto, Oneto, Russo, Musico (77’ Gervino). All. Bertorino.
ARBITRO: Zanin di Savona.
MARCATORI: 26’ Mosto s rigore, 30’ Calò, 52’ Bertolla, 56’ Bottigliero, 62’ Ciuffardi.
Un avvio strano, che la ritrova in svantaggio su calcio di rigore, non turba tuttavia una Tarros Sarzana assai lesta a raddrizzare l’andamento dell’incontro con un calcio piazzato di Calò (giovanissima punta così alla propria prima rete in questo campionato) per poi scatenarsi nella ripresa…nella quale un tiro-cross di capitan Bertolla, una “cannonata” di Bottigliero da fuori area e una stoccata di Ciuffardi su passaggio di Dura, concretizzano l’ampio successo dei sarzanesi a spese dei rivieraschi: ne scaturisce la seconda posizione in classifica dei rossoneri, seppur insieme all’ Amicizia Lagaccio e quell’ Angelo Baiardo sul cui campo i rossoneri avevano pareggiato la domenica prima, in un Girone B della Promozione Ligure comandato oggi dal Magrazzurri.
<Viviamo per adesso alla giornata – ha commentato al termine capitan Stefano Bertolla – ma ciò non toglie che la squadra ci sia, se n’è accorto anche un Rapallo che nel nostro girone non è sicuramente l’ultima delle squadre, magari dobbiamo solo imparare a sprecare qualche palla-gol in meno>.
Per la cronaca, mister Lorenzo Placanti ha confermato nell’occasione lo schieramento secondo lo schema 4-3-2-1, che a tratti diventava un 4-3-3 allorché Calò e Lamioni prima e Pizzica dopo si affiancavano a Vierucci qualche metro più avanti. Sul tre a uno poi è entrato Ciuffardi a rinforzo del centrocampo e nel finale un po’ di spazio anche a Isoppo.
Impegno a venire sul campo della Bolzanetese domenica prossima.
Nella foto il direttore sportivo Giorgio Oligieri