Home Altro Varie WOMAN OF WORTH AWARD, IL PREMIO PER LE “DONNE AL VOLANTE” PER...

WOMAN OF WORTH AWARD, IL PREMIO PER LE “DONNE AL VOLANTE” PER IL 2021 VINCE SABINE SCHMITZ

52
0

Per la #wwcoty, unica giuria internazionale femminile del settore, la corona quest’anno va all’indimenticabile #sabineschmitz, scomparsa a marzo. La giuria premia Sabine, non per le sue doti, ma per la capacità di far valere i suoi diritti nel settore. Una lunga battaglia con cui ha partecipato direttamente e indirettamente.

Il #wwcoty, organizzazione presente da 10 anni per votare la migliore #auto nel settore, da quattro ha istituito anche il Woman of Worth Award. Un #premio per onorare chi più di ogni altra si è battuta nel settore per i diritti femminili.

I membri della giuria per il 2021 hanno votato a stragrande maggioranza per #sabineschmitz.

Professionista tedesca e personaggio televisivo, Sabine ha lavorato per BMW e Porsche ed è diventata nota per essere un’esperta del circuito del Nürburgring, vincendo due vittorie in gare di resistenza nel corso della sua carriera di pilota. Sabine è diventata un’icona di culto in televisione dopo la sua apparizione a Top Gear della BBC, con diversi ruoli accanto ai presentatori del programma. Nota come la regina del Nürburgring, è morta nel marzo 2021.

Il presidente esecutivo di Women’s World Car of the Year, Marta Garcia, ha detto che Sabine è una degna vincitrice del #premio Woman of Worth. “Questo #premio è l’unico al mondo in cui le donne che sono nell’industria o che sono nel motorsport sono riconosciute da una giuria di donne”.

In classifica

La seconda classificata, e degna di una menzione speciale, è stata Loujain Al Hathloul. L’attivista per i diritti delle donne dell’Arabia Saudita. È stata arrestata nel 2014 e detenuta per aver tentato di entrare in Arabia Saudita guidando un’auto dagli Emirati Arabi Uniti. Nel dicembre 2020 un tribunale l’ha condannata per aver “promosso i diritti delle donne”. Loujain è stata autorizzata a lasciare il carcere il 10 febbraio 2021, ma non le è permesso di lasciare il paese per i prossimi cinque anni.