Home Altri sport

Allevamento e Sport: Dillaru Sardo vince un Premio Regionale Sardo con 324 iscritti

0
Premio Regionale Sardo
Premiazione Dillaru Sardo

Il Premio Regionale Sardo numero 60 lo conquista nella combinata Dillaru Sardo, un sella italiano dal manto baio oscuro allevato da Gianmatteo e Alan Corona di Gavoi e presentato da Andrea Deledda. Negli impianti Agris di Tanca Regia (Abbasanta) il figlio di Quantum e Orsetta da Ksar-Sitte è il puledro di tre anni che totalizza il miglior punteggio nelle prove di obbedienza e andature (primo posto), morfo-attitudinale (primo posto) e salto in libertà (terzo posto).

La spettacolare prova del salto in libertà (senza cavaliere) la vincono per il sella italiano Damasco Sardo, allevato da Gianpietro Aresi di Busachi che lo ha anche presentato, e per l’anglo-arabo la grigia Diamante Foresta, di Massimiliano Boi, allevatore di Foresta Burgos che ha affidato la presentazione ad Andrea Pes e ha vinto pure la prova Morfo-Attitudinale .

Ben 324 cavalli presenti alla settimana organizzata dall’Agenzia AGRIS Sardegna, Servizio Ricerca per la Qualità e Valorizzazione delle Produzioni Equine, in collaborazione col Comitato Regionale FISE Sardegna e Anacaad, l’associazione nazionale allevatori del cavallo anglo arabo e derivati. Un numero impressionante che da solo rappresenta la metà e forse qualcosa in più di tutti i soggetti presentati nei Premi delle regioni italiane. Un patrimonio che merita di essere sostenuto e valorizzato sempre più.

Gli altri vincitori- Nei due anni primo posto per Ermosa (allevata da Giuseppe Tanda) ed Empireo (Giovanni Maria Olia) che presentato da Luca Testoni ha vinto sia la prova morfo-attitudinale che l’attitudine al salto per gli anglo-arabi. Invece tra i sella italiano successi di Kairi’s Dream (Valeria Laccu) ed Essude (Giovanni Carboni) nella morfo-attitudinale, mentre per l’attitudine al salto, dove i maschi gareggiano insieme alle femmine, è stato Piero Pala a portare alla vittoria Especial Chaccato dell’allevatore Giovanni Riu.

I cavalli di un anno hanno preso parte solo alla prova morfo-attitudinale. Negli anglo-arabi vittorie di Fantastic Secret allevata da Giancarlo Sini e di Faraone d’Oro di Michele Carboni. Invece per il sella italiano primo posto per Freyda Sarda (Pietro Ena) e Fatti Furbakione (Pietro Ledda).

Infine nei foals, i puledri che non hanno neppure un anno e ancora sono dipendenti dalla madre, il migliore anglo-arabo nella prova morfo-attitudinale è risultato Foal da Zeta Norman, mentre nel sella italiano sono stati Foal da Stella Sarda e Foal da Beltea.

Previous articleSfortunato ritiro per Grossi e Gretaracing Lucania alle prove della Cividale-Castelmonte
Next articleÈ Beatrice Negretti la nuova brand ambassador di Mistertea