Home Altri sport

Muktar Edris fa cinquina e si conferma re del Giro al Sas

0
Muktar Edris
Muktar Edris il vincitore del 75° Giro al Sas (Foto Daniele Mosna)

TRENTO – Muktar Edris fa cinquina e si conferma re del Giro al Sas. La 75.a edizione della gara internazionale condotta sulla distanza di dieci chilometri nel centro cittadino di Trento ha esaltato ancora una volta il campione etiope, due volte iridato nei 5000 metri su pista (2017 e 2019) e per la quinta volta trionfatore nel Giro al Sas dopo i successi del 2014, ’15, ’17 e ’21.

Edris era semplicemente il più forte ieri sera a Trento, con buona pace dei due azzurri Pietro Riva, secondo, e Yeman Crippa, terzo. Il padrone di casa ha pagato dazio ad una condizione fisica non ottimale dopo la manciata di settimane di meritato riposto che ha seguito il trionfo europeo nei 10.000 metri su pista.

Proprio le accelerazioni di Muktar Edris hanno scandito il ritmo di gara: la prima sferzata è arrivata al quarto giro, portando alla creazione di un quartetto comprendente anche il burundiano Jean Marie Nyyomuzika. Un giro più tardi, la seconda frustata ha visto cedere proprio quest’ultimo, consentendo ad Edris di mettere le mani anche sul traguardo volante intitolato alla memoria dell’alpinista trentino Fabio Giacomelli.

La prima parte di gara ha visto un Pietro Riva sempre brillante e pronto non appena possibile a mettersi al fianco di Edris; qualche affanno in più invece per Crippa che ha alzato bandiera bianca nell’ottavo giro. Ancora una volta è toccato ad Edris dare la stoccata con un giro da 2’50 che ha trovato risposta ancora nel solo Riva.

Il duello tra i due si è risolto solo nel giro finale: Edris ha dimostrato ancora una volta di averne più di tutti e se ne è andato in piena leggerezza tagliando per la quinta volta a braccia levate il traguardo del Giro al Sas dopo 28’47 di gara ed un ultimo “mille” da 2’43.

A completare il podio quindi ecco il due portacolori delle Fiamme Oro Pietro Riva (28’51) e Yeman Crippa (28’59), seguiti a breve distanza dagli altri tre azzurri Osama Zoghlami (Aeronautica, 29’12), Iliass Aouani (Fiamme Azzurre, 29’13) e Francesco Guerra (Gp Parco Alpi Apuane, 29’25). Domani sera (domenica) la sintesi della gara su Rai Sport (ore 20.30) a cura di Gianfranco Benincasa.

Muktar Edris è dunque ancora una volta il Re di Trento. “E’ sempre un piacere essere qui e vincere. La gara è stata impegnativa ma con un pubblico come quello di Trento la fatica quasi non si fa sentire. Dopo un’estate difficile, sono pronto per tornare a correre forte anche nelle mezze maratone autunnali”.

E proprio i 21,097 chilometri di Valencia, tra tre settimane, sarà il prossimo obiettivo di Pietro Riva, eccellente secondo sulle orme del coach Stefano Baldini, tre volte vincitore del Giro al Sas. “Edris è un avversario di un altro livello e nel giro finale ha semplicemente preso il largo. Io ci tenevo a fare una bella gara e sono soddisfatto della mia prestazione, mi riempie di sicurezza in vista della Valencia Half Marathon”.

Terzo posto quindi per uno Yeman Crippa accolto come autentico eroe cittadino dai tifosi trentini di ogni età. “Il Giro al Sas è sempre un piacere! Dopo la stagione su pista avevo bisogno di qualche settimana di stop e temevo di non essere al meglio, ma Edris e Riva hanno fatto una gara super e io mi accontento di questo terzo posto. Da qui inizierò a lavorare per farmi trovare pronto agli appuntamenti invernali: non posso che ringraziare il pubblico di Trento per il grande affetto che sa darmi e che mi dimostra ogni volta”.

Ad aprire la strada alle stelle internazionali, come di consueto il sabato pomeriggio allestito dall’ASD Città di Trento ha proposto le sfide popolari del campionato provinciale del Centro Sportivo Italiano seguite dall’entusiastica corsa dei 200 bambini con meno di otto anni che hanno animato il Giro al Sas Kids.

Oggi, domenica 2 ottobre il Trento Running Festival si completerà con l’undicesima Trento Half Marathon e con l’onore di avere sulle strade cittadine il campione iridato di maratona Tamirat Tola. All’etiope spetterà il compito di infrangere il muro dell’ora di gara dopo che nel 2021 il connazionale Chimdessa Gudeta aveva esaltato il rinnovato tracciato chiudendo in 1:00’15. In gara al femminile ci sarà anche la veneziana Giovanna Epis (Carabinieri) che in questa stagione ha evidenziato ulteriori miglioramenti fino a conquistare un prestigio quinto posto nella maratona dei Campionati Europei.

Previous articlePollara – Mangiarotti primi leader del 7° Tindari Rally
Next articleLa capolista Levanto verso Marassi con un problema difensivo