Home Sport acquatici Pallanuoto

Pallanuoto femminile A2: Locatelli Genova – Vela Ancona 10-8

Locatelli Genova
Locatelli Genova - Vela Ancona

Di fronte ad un grande pubblico strepitoso emozionato ed emozionante, la U.S. Luca Locatelli Genova mette le mani su gara 1 e si guadagna due match point per l’ ascesa nell’olimpo nazionale della pallanuoto nazionale, la Serie A1 che manca a Genova da oltre dieci anni.
In un incontro che è un vero spot per la pallanuoto,presentato dal leggendario Ugo Mannozzi nelle vesti di speaker, in presenza di autorità fra le quali gli assessori allo sport presente e passato del Comune di Genova, Bianchi e Anzalone, e l’omologa assessore regionale Ferro, visibilmente partecipi alle sorti delle nostre ragazze, le lontre giocano una partita estremamente tattica e matura, ma sudano le proverbiali sette camicie per portare a casa questo fondamentale successo.
Il primo tempo è un esaltante spettacolo pirotecnico, con Monterubbianesi ad aprire le danze con una grande botta da fuori che non dà scampo ad una incolpevole Avenoso. Palla al centro e dopo uno schema perfettamente eseguito è Arianna Banchi che mette la prima firma su un match che la vedrà protagonista assoluta, e nella successiva azione d’attacco Chiara Padula con un sontuoso tiro al volo regala il primo vantaggio alle lontre. Ancona perviene al pareggio in superiorità numerica con Bartocci che, lasciata colpevolmente libera di ricevere, insacca facilmente dal palo. Poi viene omaggiato un rigore alle doriche con Campora fuori posizione che non si avvede di una ricezione abbondantemente dentro ai due metri, ma Asia Avenoso compie l’ennesimo prodigio della sua grande stagione ed ipnotizza nientemeno che Monterubbianesi, che nonostante questo errore risulterà top scorer del match con 5 reti. Ma il vantaggio per la Vela è solo rinviato ed è proprio Monterubbianesi che infila dall’angolo con un siluro imparabile sul palo lontano una superiorità numerica. Immediata la risposta per la Locatelli di Caterina Nucifora che si guadagna e trasforma un uomo in più, seguita a ruota da Vittoria Ravenna che fredda implacabilmente Andreoni in superiorità per il nuovo vantaggio (4.3) biancorossoblu, ma Monterubbianesi riporta in parità le sue compagne con un missile da lontano che sorprende Avenoso per il resto quasi perfetta. Nel secondo tempo Ancona va per l’ultima volta in vantaggio in superiorità con un blocco su palo 5 che viene giudicato con eccessiva tolleranza dai direttori di gara ed è ancora la numero 4 dorica, frutto del florido vivaio dei Castelli Romani,ad insaccare. La partita sta per avere una svolta, perchè dopo un rigore fallito dalle ragazze di Pace ed una lunga fase di gioco confusa da parte delle genovesi è ancora una volta la più giovane in vasca, Margherita Minuto, a trainare fuori dal guado le lontre, partendo in controfuga, guadagnando una espulsione e finalizzandola per il 5-5 di metà gara. Passato il pericolo le lontre si riorganizzano e costruiscono, ancora una volta nel terzo tempo, la loro vittoria. Con una controfuga impostata magistralmente da Ravenna, Polidori, Banchi e Bianco è quest’ultima che si incunea davanti ad un difensore procurandosi e finalizzando un penalty. Nel successivo attacco, dopo una azione ben manovrata è Nausicaa Magaglio a siglare il 7-5 con una splendida “sciarpa”, eredità di una pallanuoto d’ altri tempi, gesto tecnico bellissimo e sempre più raro. E’ il primo break, ed è quello giusto, tanto più che alla prima occasione, dopo un time out la Locatelli si regala ancora in superiorità il +3, con Arianna Banchi pronta a ribadire in rete il rimbalzo sul tiro di Bianco. Ancona approfitta di un pasticcio difensivo delle lontre ed insacca con Consolani a porta vuota. Ancora Banchi ed ancora in superiorità ribadisce il triplo vantaggio con una staffilata imparabile da posizione 1, ma Monterubbianesi non si arrende e non dà scampo ad Avenoso su rigore. Bianco risponde trasformando a sua volta il penalty del 10-7 col quale termina il terzo tempo.
Nel quarto tempo le genovesi si compattano in difesa anche sostenute da una Avenoso in grande spolvero, ed il bel gol al volo di Strappato, unica segnatura del periodo, riesce solo a rendere meno amara la sconfitta per le anconetane,
Domenica prossima, 4 giugno,ad Ancona alle 18 (diretta streaming sul profilo Facebook Locatelli Genova) le ragazze di Carbone avranno la possibilità, vincendo, di coronare un sogno e di scrivere un’ altra pagina, la più importante fino ad oggi, dell’ appassionante romanzo del nostro club, loro, nate per scrivere la storia.
Commento del tecnico della Locatelli Genova, Stefano Carbone: “Complimenti alle ragazze, credo abbiano meritato una importante vittoria con un’ ottima Vela Ancona, sapientemente messa in campo da Milko Pace. Abbiamo fatto gare anche migliori in questa stagione, ma il fatto di non avere giocato gare di A2 per sette settimane avremmo rischiato di pagarlo in modo carissimo se non avessimo maturato in questa stagione tanta esperienza che ci ha permesso di vincere “di mestiere”, paradossalmente per una squadra così giovane. Consce che non abbiamo ancora fatto nulla prepariamo gara due, ringraziando caldamente il pubblico numerosissimo che ci ha sostenuto per tutta la partita con calore e rispettando l’avversario. Diamo appuntamento loro a lunedì 5 giugno sera alle 21, quando inizieremo le semifinali under 18, sempre alla Sciorba.. Portare tante persone in piscina a vederle è un’altra bellissima vittoria per le mie giocatrici. Come ho detto loro nel dopopartita, una gara così emozionante avrebbe probabilmente fatto venire voglia a qualcuna delle numerose bambine presenti di giocare a pallanuoto. Così è stato,e tre nuove giocatrici stanno per iniziare a giocare a pallanuoto, Un’altra loro magia, questa, forse la più bella.”

U.S.Luca Locatelli Genova – Cosma Vela Ancona 10-8 (4-4, 1-1, 5-2, 0-1)

Locatelli Genova: Avenoso, Bianco 2, Canepa, Banchi 3, Ravenna 1, Padula 1, Minuto 1, Nucifora 1, Lombardo, Magaglio 1, Frisina, Polidori, Scigliano. All. Carbone.

Cosma Vela Ancona: Andreoni, Strappato 1, Martella, Monterubbianesi 5, Ferretti, Consolani 1, Bartocci 1, Olivieri, Dametto, Bersacchia, Campitelli, Quattrini, Mancinelli. All. M. Pace.
Arbitri: Campora e Giacchini.
Note: sup. num. Locatelli 4/16 + 2/4 rigori, Vela 3/9 + 1/3 rigori.