Home Altri sport Motori Prove di 2022 per Peruzzo, al Città di Schio

Prove di 2022 per Peruzzo, al Città di Schio

0
peruzzo
Fabio Peruzzo, in azione (Foto Mario Leonelli)

Conselve (PD) – Se guardiamo alla classifica finale del trentesimo Rally Città di Schio, con Fabio Peruzzo sesto di classe R2C ad oltre quattro minuti dal primo, si potrebbe pensare che lo scorso fine settimana sia stato uno di quelli da dimenticare in fretta.

In realtà il pilota di Conselve esce decisamente motivato dalla due giorni vicentina, nonostante le difficili condizioni meteo nelle quali si è corso, per un debutto che apre nuovi scenari futuri.

Dopo aver esordito, ad inizio stagione, sulla Renault Twingo R2 ed essere ritornato a calcare il palcoscenico più ambito, quello del FIA World Rally Championship a tinte spagnole, il portacolori della scuderia Omega ha sfruttato la propria presenza sulle speciali scledensi per iniziare a prendere le misure con quella che potrebbe essere la nuova compagna di avventura.

Un fondo reso insidioso dai continui cambi del clima gli hanno consentito comunque di iniziare a muovere i primi passi sulla Peugeot 208 Rally 4, messa a disposizione dal team Galiazzo.

“Siamo soddisfatti per quelli che erano i nostri obiettivi di giornata” – racconta Peruzzo – “perchè questa Peugeot 208 Rally 4, l’auto del momento tra le trazioni anteriori in Italia, è davvero bella da guidare. È un’auto dal potenziale altissimo e chi la sa usare può andare veramente forte. Chi, come me, ci è salito sopra per la prima volta non poteva fare altro che cercare di capire. Abbiamo corso sul bagnato, sul fango, tra la nebbia ed il nevischio e queste condizioni non ci hanno aiutato, per niente. Abbiamo anche preso qualche bello spagotto ed il pensiero era soltanto quello di portarla a casa. Non siamo stati immuni da errori ma ce la siamo cavata con qualche graffio, una porta ed uno specchio rotti. Ad altri è andata molto peggio che a noi. La Santa Caterina era sicuramente la più rovinata mentre la Treschè Conca sembrava peggio, dalle ricognizioni, ed invece era percorribile. A Pedescala ci siamo divertiti un bel pò. Grazie di cuore a Christian perchè, dal sedile di destra, è stato importante in queste condizioni.”

Un primo ballo per Peruzzo, quello vissuto con al proprio fianco Christian Ronzani, che chiude un 2021 comunque positivo, nonostante la carenza di risultati, ma che rilancia una nuova annata, ormai alle porte, che potrebbe vedere il patavino ancora sulla vettura di casa Peugeot.

“Abbiamo corso qui a Schio già pensando al prossimo anno” – aggiunge Peruzzo – “e stiamo lavorando, assieme al nostro team, per un progetto 2022 che spero si possa avverare. Ci piacerebbe poter correre con questa 208 Rally 4, sia in Italia che ritornare in una tappa del mondiale. Sarebbe un sogno e speriamo che i nostri partners possano rinnovarci la fiducia. È stata un’annata che ci ha regalato grosse emozioni e soddisfazioni. Non sono arrivati risultati prestigiosi ma abbiamo corso gare prestigiose, soprattutto pensando al mondiale in Spagna. Grazie a tutti, ai nostri partners, alla scuderia Omega ed al team Galiazzo, sia per l’assistenza alla nostra Twingo che per la fornitura di una 208 Rally 4 che si è rivelata una scheggia. Cercheremo di lavorare sodo, in questa pausa invernale, per presentarci al via di un 2022 di alto livello. Abbiamo il giusto pacchetto per metterci al lavoro e non vediamo l’ora di ripartire.”

Previous articleTerzo di rimonta, a Schio, per Stella
Next articleLa roulette di Schio non premia del tutto Omega