Home Altro Varie

Record di ingressi al Castello degli Acaja di Fossano

0
Castello degli Acaja
Inaugurazione della mostra presso il Castello degli Acaja

Cuneo – Non solo sport invernali ma anche cultura durante le vacanze natalizie, i dati parlano chiaro: i turisti hanno scelto di fare una sosta nel cuore della Granda per visitare il Castello degli Acaja.

Numeri che superano di gran lunga i dati pre pandemia al castello di Fossano con 355 visitatori da inizio dicembre 2021 al 9 gennaio 2022 contro i 130 del medesimo periodo del 2019 (nel mese di dicembre 2020 le visite erano sospese a causa dell’emergenza epidemiologica). Di questi sono stati 213 i visitatori nelle festività natalizie, contro i 79 del 2019.

«I dati sono frutto della straordinaria sinergia tra l’Amministrazione Comunale e l’ATL del Cuneese che cura l’ufficio turistico e le visite al Castello – spiegano il Primo Cittadino Dario Tallone e l’Assessore alla Cultura Ivana Tolardo – ci auguriamo che la curva dei contagi possa tornare a scendere al più presto, così che le statistiche possano tornare a crescere. A dicembre 2021 abbiamo rimesso in sesto una nuova torre del Castello e stiamo lavorando con l’ATL per creare un nuovo percorso di visita che sia in grado di offrire al turista un’offerta il più ricca e completa possibile. Un traino fondamentale è sicuramente la mostra Fantastiche Grottesche allestita nella sala regina del Castello che sarà visitabile fino al 25 aprile 2022 dal mercoledì alla domenica alle 11,00 e alle 15,00».

“Siamo convinti – commentano il Presidente dell’ATL del Cuneese Mauro Bernardi e il Direttore Daniela Salvestrin – che per mantenere vivi i siti di interesse storico, artistico e culturale, sia necessario proporre costantemente delle novità: mostre, visite guidate a tema o costruite su misura per target specifici, con momenti di approfondimento. Il Castello di Fossano è un maniero che di per sé merita una visita, ma è una realtà che negli anni è diventata essa stessa contenitore di eventi ed esposizioni. Un grazie all’Amministrazione Comunale per lo spirito vivace e propositivo con il quale ci permette di gestire il bene e di continuare a progettare.”

BREVI CENNI SUL CASTELLO

Il Castello di Fossano, edificato come struttura difensiva da Filippo I d’Acaja tra il 1324 e il 1332, venne poi trasformato dai Savoia in residenza signorile. Nel Cinquecento ospitò Bona di Savoia, duchessa di Milano, e negli anni Quaranta del secolo successivo, Madama Cristina di Francia. A fine Seicento mutò destinazione d’uso: prigione per i valdesi tra il 1686 e il 1687, poi caserma e carcere. Nei loggiati cinquecenteschi oggi ha sede la biblioteca cittadina, con oltre 150.000 volumi e un fondo storico – composto da libri antichi, collezioni e documenti – di circa 10.000 testi. Il cortile interno e la sala al pianterreno ospitano attività culturali, convegni, mostre e concerti.

Impareggiabile la vista sul Monviso e l’intero arco alpino che si gode dalla torre panoramica, dove uno speciale allestimento multimediale offre al visitatore l’opportunità di un viaggio alla scoperta del territorio del cuneese.

Previous articleLa Spezia, Tar Liguria conferma la decisione del Comune
Next articleSangiovanni:”Farfalle” (Sanremo 2022) da oggi 13 gennaio in pre save