Home Altri sport Motori Riflettori mondiali per ART Motorsport 2.0

Riflettori mondiali per ART Motorsport 2.0

0
ART Motorsport
Paperini in azione (Foto Bettiol)

Grande soddisfazione, in ART Motorsport 2.0, insieme a Lion Motor Events, per come è andata a concludersi la GR Yaris Rally Cup quella, disputata nel palcoscenico di prim’ordine, del FORUM8 ACI RALLY MONZA, ultima prova del Campionato del Mondo rally.

Con Thomas Paperini e Simone Fruini, a bordo dell’esemplare della GR Yaris della Promo Racing Team, è stata conquistata la prima posizione di gara, grazie ad una prestazione si spessore dell’equipaggio pistoiese, il quale si è trovato decisamente a proprio agio sia con le sensazioni sulla vettura che anche con il difficile tracciato della gara iridata, corsa per metà sulle strade bergamasche e per l’altra metà con prove ricavate dentro l’area del circuito di Monza, quindi anche nella pista.

Una prestazione di alto profilo, quella di Paperini e Fruini, della quale se ne sono accorti in molti, tra gli addetti ai lavori, di fatto confermando il valore già visto per loro nella prima parte del campionato italiano rally 2021. La loro seconda gara nel trofeo Toyota, sommata alla seconda posizione di Modena il mese scorso, con sole due gare all’attivo su cinque in programma, quindi, ha permesso di chiudere al sesto posto, proponendosi già tra coloro da battere per il 2022, stagione per la quale la coppia progetta già la propria convinta presenza.

“Non avevamo dubbi che Paperini e Fruini ci dessero soddisfazioni – commenta Luca Artino, vice presidente della scuderia e primo ispiratore del progetto insieme a Jacopo Civelli – alla vigilia della gara dissi che si poteva pensare alla vittoria, che era una suggestione non certo impossibile e detto-fatto ci hanno pensato loro. Bravi, bravi davvero, tutto quello che hanno se lo stanno meritando e da parte nostra come scuderia faremo di tutto per proseguire a dar loro sostegno per il 2022”.

IN GARA ANCHE A CHIUSDINO

Non solo respiro mondiale, per ART Motorsport 2.0, nel fine settimana passato. Vi erano tre portacolori anche a Chiusdino, per la prima edizione della gara che è già diventata un’icona.

Maila Cammilli e Sara Vestrucci, con la solita Renault Clio Williams gr. A, pur soffrendo il fondo assai indecifrabile della gara hanno concluso in solitaria nella categoria femminile ed in 12^ posizione di classe.

Lorenzo Nesti/Federico Grilli, anche loro con una Renault Clio Williams gr. A, hanno finito in sesta posizione di classe A7 e Donato Iozzia/Daniele Pettinari, con la Fiat Seicento gr. A, hanno invece alzato bandiera bianca in chiusura di gara.

Previous articleWienerberger Italia: la salute e la sicurezza sul lavoro tra le priorità
Next articleJolly Racing Team e Pisani vincono il Rally di Chiusdino