Home Altri sport Motori

Tour de force per La T Tecnica: da Pistoia al Terra Sarda

La T Tecnica
Moricci-Garavaldi in azione con la vettura “griffata” La T Tecnica (Foto Thomas Imagery)

Ponte Buggianese – E’ un vero e proprio tour de force quello che vede coinvolta la divisione sportiva di La T Tecnica, reduce dal confronto del 44° Rally Città di Pistoia, ultima manche della Coppa Rally di Zona 6 ed a coefficiente maggiorato a 1,5, e nuovamente in scena questo weekend, in Sardegna, al 11° Rally Terra Sarda, gara valida sia per il Tour European Rally sia per la Coppa Rally di Zona 9 ed in programma sabato 7 e domenica 8 ottobre.

A fare il bis di appuntamenti sarà il titolare dell’azienda, Paolo Moricci, come sempre affiancato da Paolo Garavaldi. Sulle strade vicino casa, il pilota di Montecatini Terme ha firmato una concreta 12° piazza assoluta, valsa anche la terza piazza nella Rally4, con la Renault Clio curata dal team di meccanici facente riferimento a Paolo Butelli. Il Pistoia è stata un’ottima occasione per verificare gli ulteriori progressi con la vettura, ed arrivare quindi all’appuntamento sardo, gara di casa per la Porto Cervo Racing Team, scuderia di cui Moricci è portacolori, carichi e decisi a mettersi in evidenza, in un contesto di ampio respiro internazionale.

Sui chilometri proposti dal Pistoia, inoltre, il logo aziendale, la T rossa, è stato in bella evidenza anche sulla MG ZR 105 A5, fornita dai Fratelli Selmi, di Lorenzo Michelacci, al suo debutto assoluto nel mondo dei rally. Amico fraterno di Moricci, ed affiancato dall’altra debuttante Alessandra Cecchi, si è messo in gioco spinto proprio dallo stesso Moricci, ed alla fine è riuscito a tenersi lontano dai guai ed a centrare l’obiettivo del traguardo, chiudendo al quarto posto di classe, ma soprattutto felice per l’esperienza vissuta ed il divertimento in abitacolo.

“Correre due gare di seguito non è affatto semplice – le parole di Paolo Moricci, titolare di La T Tecnica – Pistoia e Terra Sarda, però, sono due appuntamenti impossibili da saltare, dato che il primo è, alla fine, la seconda gara di casa, mentre l’altro è organizzato dalla scuderia che rappresento. Pistoia è stato utile per avere ulteriori risposte dal lavoro svolto sulla Clio, insieme alla squadra capitanata da Paolo Butelli, ed ora andiamo in Sardegna decisi a dire la nostra e per valutare il nostro livello in una gara internazionale. Voglio complimentarmi con il mio amico Lorenzo per aver portato a termine il Pistoia: è stata una gara difficile, ma ha corso con intelligenza e senza andare a cercare inutili rischi. Abbiamo scherzato tante volte sulle difficoltà di un rally, ed ora che ha avuto la possibilità di correre si è reso conto delle tante sfaccettature che si celano dietro questo sport. Brava anche la sua navigatrice: essere al debutto, e gestire un debuttante, è molto difficile, ma non ha sbagliato niente e si è comportata alla grande.”

Undici prove speciali, 72,12 km di sfide al cronometro ed un percorso complessivo di 435,35 km: sono questi i tratti salienti dei due giorni di gara proposti dal 11° Rally Terra Sarda, tra Tempio Pausania, Arzachena e Porto Cervo, dove la gara si concluderà domenica alle 15.19.