Home Altri sport Trofeo Città di Martinsicuro dell’Adriatico, domenica 24 ottobre

Trofeo Città di Martinsicuro dell’Adriatico, domenica 24 ottobre

0
Trofeo Città di Martinsicuro dell'Adriatico

La città di Martinsicuro si prepara a diventare il fulcro del podismo abruzzese d’autunno con una gara che tradizionalmente è l’apertura della stagione nel mese di marzo. L’emergenza Covid ha fatto posticipare in via eccezionale al 24 ottobre il Trofeo Città di Martinsicuro dell’Adriatico.

Con la presenza di Giorgio Calcaterra, campione del mondo dei 100 chilometri, l’attesa manifestazione vede il coinvolgimento del Gruppo Sportivo Martinsicuro e dell’Ecologica G Giulianova come sodalizi trainanti in seno al comitato organizzatore (con la triade Mario Ricci, Francesco Cianciarelli e Luigi Chiodi) di una gara che tanto tempo fa era la Maratona dell’Adriatico tra Martinsicuro e Giulianova.

Con la quota degli iscritti al momento ferma a 250, la competitiva di 11 chilometri, aperta ai tesserati Fidal, enti di promozione sportiva e ai possessori di Runcard si disputa sul seguente percorso: piazza Kolbe (partenza alle 9:30), via Segantini, via Dell’Aquila, via Lippi, via Franchi, via Amendola, via Segantini, via Patini, piazza Leonardo Da Vinci, via Roma, via Aldo Moro, Lungomare Europa, Lungomare Italia, via Franchi, via Amendola, via Segantini e arrivo a piazza Kolbe.

Per i meno allenati, invece, prevista la passeggiata non competitiva di 3 chilometri. In premiazione i primi dieci gruppi regionali ed extra-regionali più numerosi, i primi tre assoluti uomini e donne, i primi 5 uomini e donne delle categorie 18/34 anni, 35/39, 40/44, 45/49, 50/54, 55/59, 60/64, 65/69, 70/74, 75/79, 80/84 e 85/90.

Con il supporto degli sponsor Forno Ricci, Comait, Cantine Casimirri e Infoservice, la manifestazione vuole ripartire nella più totale sicurezza con le normative anti-contagio vigenti: la misurazione della temperatura, il distanziamento, l’utilizzo della mascherina (anche nella fase di partenza della gara fino ai primi 500 metri) e l’obbligo del green pass.

Previous articleTrofeo Santi Medici-Memorial Ginetta Ruggeri all’ombra dei Trulli
Next articleCon rotelle o lame Matteo Giana è sempre ai vertici delle Classifiche Nazionali