Home Sport combattimento Pugilato

4 squadre rappresenteranno l’Italia ai Fitboxing World Games

Fitboxing
Qualificazioni Fiboxing World Games - Brooklyn Fitboxing

Sono 4 le squadre che combatteranno per il titolo e rappresenteranno l’Italia al Campionato Mondiale di Fitboxing (Fitboxing World Games), che si terrà il prossimo 8 giugno presso l’imponente Caja Mágica di Madrid.

L’imponente Caja Mágica di Madrid ospiterà il prossimo 8 giugno il Campionato Mondiale di Fitboxing (Fitboxing World Games). A combattere per il titolo e a rappresentare l’Italia saranno presenti anche gli atleti di quattro squadre italiane che hanno superato le qualifiche classificandosi nelle prime 4 posizioni sulle 32 squadre partecipanti e provengono dai clubs Brooklyn Fitboxing di Milano Ticinese, Alessandria e Chiavari.

La community italiana dei fitboxers sarà rappresentata dalle squadre: “CAO” e “Full Metal Brooklyn” del club di Milano Ticinese allenati rispettivamente dai trainer Alessandro Cotto e Paolo Defranchi; “Stica Team” per il club di Chiavari, che partecipa alla competizione mondiale per la terza volta con il trainer Luca Bolzoni; e infine la squadra “Tost-e Warriors” di Alessandria, accompagnata dalla trainer Carlotta Frasè.

Questa sarà la settima edizione dei Fitboxing World Games, nati a Madrid nel 2016. La disciplina ha un forte radicamento in Spagna, ma alla Caja Mágica si affrontano sempre più numerosi atleti provenienti dall’estero, oltre a squadre italiane, portoghesi e argentine, quest’anno per la prima volta anche francesi e tedesche.

Si tratta di una competizione inclusiva, in cui squadre composte da quattro atleti, che possono essere uomini o donne e di ogni età, si sfidano nella stessa categoria per aggiudicarsi il titolo di Campione del Mondo. Gli atleti si mettono alla prova di fronte a sacchi da boxe dotati di speciali sensori, i quali, grazie ad una tecnologia brevettata, misurano in tempo reale la forza applicata al sacco e la sincronizzazione con la musica. Durante i tre round di due minuti ciascuno, i fitboxers colpiscono il sacco seguendo una specifica sequenza, che rappresenta la “challenge” estratta a sorte tra le 6 possibili e che sono state già allenate e memorizzate in questi mesi dagli atleti. Oltre al punteggio ottenuto dai parametri raccolti dalla tecnologia del sacco da boxe, diversi arbitri assegnano un ulteriore punteggio in base alla tecnica e alla sincronizzazione tra i membri della stessa squadra.

Sebbene sia praticata principalmente da donne, la disciplina affascina sportivi di ogni sesso ed età. Ne è una prova la rapidità della crescita in Europa, in particolare in Italia, dove la community di Brooklyn Fitboxing sta riscuotendo un interesse sempre maggiore, basti pensare agli 8 club aperti nell’ultimo anno e mezzo, con l’obiettivo di superare i 50 nei prossimi anni.

“Vedere quattro squadre italiane partecipare alla finale di Madrid è per noi un grande orgoglio. Anno dopo anno aumentano i successi a livello internazionale e cresce la nostra community italiana. Brooklyn Fitboxing nell’ultimo periodo ha sperimentato in Italia una notevole crescita. Il nostro sport unisce la performance sportiva al divertimento, crea spirito di appartenenza e supporta iniziative solidali”, commenta Gabriele Aluigi, Country Manager Italia di Brooklyn Fitboxing.