Home Altro Varie L’antica medicina naturale potrebbe migliorare il trattamento del cancro

L’antica medicina naturale potrebbe migliorare il trattamento del cancro

0

Per secoli, le persone in tutto il mondo hanno utilizzato piante medicinali per combattere le infezioni, favorire la guarigione delle ferite e per le cerimonie religiose. E per secoli, gli scienziati hanno cercato di identificare i principi attivi di queste piante per usarli nella medicina moderna. Ora i ricercatori dell’Università di Copenhagen hanno studiato una pianta del deserto australiano e hanno trovato una sostanza che sembra contrastare la resistenza a un tipo specifico di chemioterapia. “Le cellule tumorali a volte sviluppano la capacità di combattere la medicina, la chemioterapia, usata per curare i pazienti. Abbiamo trovato una sostanza in una pianta che sembra inibire la capacità delle cellule cancerose di difendersi dalla chemioterapia, cioè costruire resistenza alla chemioterapia. La pianta si trova solo in Australia ed è stata tradizionalmente utilizzata dagli aborigeni”, afferma la dottoranda Malene J. Petersen del Dipartimento di Drug Design and Pharmacology. La sostanza naturale isolata dai ricercatori è un cosiddetto flavonoide. In laboratorio, hanno testato la sostanza su cellule cancerose umane in combinazione con SN-38, che è il principio attivo del farmaco Irinotecan che viene utilizzato per combattere, ad esempio, il cancro del polmone aggressivo e il cancro del colon. I risultati hanno mostrato che una combinazione della sostanza naturale e della chemioterapia è stata in grado di inibire la capacità delle cellule tumorali di combattere il medicinale.“Le cellule tumorali resistenti all’SN-38 producono una grande quantità di una proteina responsabile del trasporto del medicinale fuori dalla cellula tumorale, una cosiddetta pompa di efflusso. Questa sostanza naturale isolata dalla pianta australiana è in grado di inibire questa pompa, il che rende difficile alla cellula cancerosa rimuovere efficacemente il medicinale”, spiega il professor Dan Stærk, che ha supervisionato il progetto. La pianta del nuovo studio appartiene al genere Eremophila, che comprende circa 230 specie, che si trovano solo nei deserti australiani. Il nome Eremophila significa giustamente amante del deserto.Il 70% di tutti i farmaci antitumorali proviene direttamente dalla natura o si ispira a sostanze presenti in natura. Quindi, la nuova scoperta non sorprende i ricercatori dietro lo studio. L’idea è di prendere la conoscenza della medicina tradizionale, che è stata tramandata di generazione in generazione attraverso migliaia di anni, e utilizzare una tecnologia avanzata per determinare quali sostanze sono attive e quali geni nelle piante che codificano per la produzione di queste sostanze attive.Nove su dieci decessi per cancro sono il risultato della resistenza al farmaco antitumorale. Quando un malato di cancro non risponde al trattamento o sperimenta una cosiddetta ricaduta dopo il trattamento, è molto spesso perché le cellule tumorali hanno imparato a difendersi dal medicinale producendo un gran numero di pompe di efflusso. “Abbiamo già prodotti che inibiscono la pompa di efflusso. Ma non funzionano in modo ottimale, perché non sono abbastanza specifici e possono avere molti effetti collaterali. Riteniamo inoltre di poter trovare composti che funzionano anche meglio della sostanza che abbiamo scoperto qui. Ecco perché ora inizieremo a cercare sostanze simili in altre piante”, afferma il professor Dan Stærk. “È interessante notare che i batteri resistenti agli antibiotici, ad esempio, sembrano produrre grandi quantità di pompe di efflusso quasi identiche, il che li ha resi estremamente bravi a pompare gli antibiotici fuori dalle cellule. Questa sostanza naturale, il flavonoide, prende di mira questa specifica proteina della pompa, il che ci fa ipotizzare se possa svolgere un ruolo anche nel trattamento della resistenza agli antibiotici”, afferma Malene J. Petersen. Le sostanze chimiche utilizzate per produrre la maggior parte dei farmaci moderni, , evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, sono costituite da combustibili fossili. Pertanto, l’interesse per le sostanze attive della natura è in costante aumento. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti approva ancora molti prodotti naturali o analoghi come medicinali. Queste ultime sono sostanze sintetiche pressoché identiche alla sostanza naturale. “L’idea è di prendere la conoscenza della medicina tradizionale, che è stata trasmessa di generazione in generazione attraverso migliaia di anni, e utilizzare una tecnologia avanzata per determinare quali sostanze sono attive e quali geni nelle piante che codificano per la produzione di queste sostanze attive. A lungo termine, questo ci consentirà di produrre farmaci futuri in modo sostenibile tramite la biologia sintetica”, spiega il professor Dan Stærk.

www.sportellodeidiritti.org

Previous articleLotto non conforme, ritirato integratore alimentare di magnesio
Next articleWomen’s Champions League: la Juventus ipoteca la qualificazione