Home Altro Varie Alpa Uno

Alpa Uno

0

Progetto SPORT VISION e Andrea Aguanno lasciano Lo staff di “SPORT VISION” dopo alcuni giorni di interrogativi, domande e
curiosità ritiene giusto spiegare a tutti quanti ne abbiano interesse i motivi dell’interruzione del
rapporto lavorativo di Andrea Aguanno, non tanto con l’emittente televisiva Alpa Uno, quanto quelli
che lo hanno portato a sospendere la trasmissione sportiva “SPORT VISION…la visione dello
sport locale a 360 gradi”.
Ecco la lettera aperta di Andrea Aguanno:
“Sia chiaro, sono del parere che “i panni sporchi si lavino in casa”, ma di fronte a codesta curiosità
e alle richieste dei tantissimi telespettatori che da giorni mi inondano di sms, telefonate e messaggi
su facebook e su input dello staff che mi collabora, ritengo giusto spiegare quanto accaduto e cosa
adesso verrà fatto.
Il motivo è semplice, ma prima urge una premessa. “SPORT VISION” non è un marchio registrato
nè da Andrea Aguanno, nè tanto meno dall’emittente Alpa Uno. La trasmissione dal titolo “SPORT
VISION…la visione dello sport locale a 360 gradi” è stata ideata dal sottoscritto, ben quattro anni
fa e condotta fino allo scorso dicembre. L’idea e lo scopo erano quelli di riportare lo sport
sull’emittente televisiva Alpa Uno, coinvolgendo quante più realtà sportive possibili, di qualsiasi
categoria e senza distinzione fra discipline sportive, dando ovviamente maggior risalto a chi sta
sulla cresta dell’onda, ma non tralasciando niente e nessuno.
Non sta a me dire se, assieme allo staff, siamo riusciti nell’intento, ma è innegabile una crescita,
anno dopo anno, della trasmissione stessa che si è arricchita di ospiti, servizi (la media di 11
servizi a puntata), collegamenti telefonici e tanti messaggi in diretta. Ovviamente la trasmissione è
stata appoggiata all’inizio dalla proprietà dell’emittente televisiva.
I buoni risultati sono stati conseguiti grazie allo staff che mi ha supportato. Uno staff formato da
poche persone, ma tutti ottimi professionisti che si sono calati con entusiasmo nella produzione.
Un grazie va alla regia di Peppe Milazzo, alle riprese di Benedetto D’Angelo, all’audio di Crystel
Iemmola, ai titoli e all’emissione di Alessandro Pirrone, oltre che ai vari collaboratori che in modo
non continuato, ma comunque decisivo, hanno collaborato con la trasmissione: Vito Pecoraro,
Francesco Vutano, Giovanni Navarra, Fabrizio Campagnano, Giovanni Dilluvio, Davide Sardo,
Vincenzo Bosco.
La trasmissione è stata realizzata ogni anno con non tante risorse economiche, come purtroppo
avviene in gran parte della Sicilia, ma a tutto c’è un limite.
E’ successo che dopo continui appelli e richieste, il sottoscritto attendeva diversi compensi
arretrati, per non considerare alcune uscite di tasca propria. L’amara situazione non si è
ovviamente verificata di punto in bianco, ma quanti mi stanno vicino sanno che si protraeva da
diverso tempo. Come evidenziato in precedenza però a tutto c’è un limite. Ovviamente non ritengo
giusto scendere nel dettaglio della situazione perché potremmo dire molto molto altro, ma ritengo
che certe cose non sia giusto “pubblicizzarle”…
Intendo solo approfittare della figura retorica della similitudine per far comprendere meglio
l’accaduto.
Praticamente è come se un panettiere (che lavora in una panetteria di non sua proprietà, quindi
alle altrui dipendenze) che debba fare il pane, sia costretto a farlo in mancanza di due elementi
essenziali: la farina e il proprio stipendio. Nessuno lavora per niente. Diciamo che il panettiere
(come chiunque altro) potrebbe “accontentarsi” per passione e/o per esigenze varie a ricevere
meno del dovuto quale compenso per il lavoro prestato e/o a riceverlo puntualmente in ritardo, ma
se la storia assume i connotati di normalità anche il panettiere si stancherà della situazione. Inoltre
scarseggiando la farina (che è uno degli elementi essenziali per fare il pane) lo stesso panettiere
sarà impossibilitato ad effettuare al meglio il proprio lavoro. Quindi ad esempio riuscirà a produrre
300 Kg di pane, invece dei 500 richiesti dal mercato.
Cosa succede a quel punto? Che il titolare del panificio richiede al panettiere di riuscire a produrre
in un modo o nell’altro il pane richiesto, ma sempre con la stessa quantità di farina. Il panettiere
con tutta la buona volontà potrà riuscire ad aumentare la quantità di pane prodotto, ma non potrà
mai arrivare a coprire l’intera domanda senza far diminuire la qualità. Ovvio che se il suo stipendio
arrivi anche puntualmente con ritardo, mancando alcune condizioni per portare a termine la propria
mansione, il panettiere prima o poi abbandonerà il proprio lavoro.
Tornando al discorso televisivo, in assenza delle dovute garanzie e con una situazione non proprio
rosea, il sottoscritto ha deciso di indugiare sino alla fine dall’anno solare 2011, nell’attesa e nella
speranza che le cose potessero sistemarsi. Purtroppo ciò non è accaduto e dopo anni di lavoro mi
sono reso conto che non si può andare avanti sempre e solamente grazie alla passione, il che può
essere un’arma a doppio taglio.
Ho deciso, dunque, di interrompere la mia trasmissione sportiva, in attesa di un chiarimento con la
proprietà dell’emittente televisiva, chiarimento che ancora attendo. Ovviamente ognuno è libero di
fare ciò che vuole, ma è giusto che venga specificato che Andrea Aguanno non è stato cacciato,
ma ha sospeso il format televisivo per le motivazioni su citate. Di contro la trasmissione è andata
avanti per volontà della proprietà dell’emittente senza interpellare il sottoscritto. Adesso la
trasmissione sportiva di Alpa Uno assume una formula più classica, con nuovi conduttori,
mantenendo soltanto il nome dalla precedente edizione: SPORT VISION, ideato dal sottoscritto.
Quindi a scanso di equivoci e per fare chiarezza nei confronti di quanti mi “assillano” (nel senso
buono del termine) per conoscere i motivi del cambio di rotta della trasmissione, tengo a
specificare il fatto che la trasmissione che va in onda attualmente sull'emittente alcamese
non ha legami con ciò che è stato trasmesso e creato nelle passate stagioni sportive e fino
a dicembre 2011. Si tratta di un format diverso che ha solo il nome e la scenografia del
precedente, ma dal quale Andrea Aguanno e lo staff della pagina ufficiale Facebook “Sport
Vision” prendono le distanze.
Ho ringraziato prima tutti coloro che mi hanno collaborato per la riuscita della trasmissione fino a
dicembre 2011. Ritengo giusto ringraziare anche tutti gli sportivi, i telespettatori, gli appassionati, i
curiosi e i dirigenti delle varie realtà sportive del comprensorio che ci seguivano con passione, ben
lieti di essere ospiti in trasmissione. Ringrazio loro per i complimenti ricevuti in questi anni e per la
vicinanza e l’affetto che stanno dimostrando adesso che la trasmissione ha cambiato volto. La loro
vicinanza è la mia forza e la testimonianza che quanto fatto in queste tre stagioni e mezzo è stato
apprezzato, almeno dal mondo sportivo, perché SPORT VISION era nato con l’intento unico di
dare voce e visibilità allo sport, cercando di farlo diversamente.
Con ciò chiudo, dicendo che comunque l’originale progetto “SPORT VISION” non si è
fermato. Continua sotto il profilo radiofonico (nuova esperienza iniziata lo scorso settembre) con
l’appuntamento in diretta ogni lunedì dalle 12 alle 13 sulle frequenze Fm di Primaradio e su quelle
web di RadioSalemi.com. La versione radiofonica del progetto sta raccogliendo sempre più
consensi e ovviamente teniamo a sottolineare che da ora in poi non avrà più nessun filo conduttore
con lo sport di Alpa Uno.
Viceversa, sempre nell’ambito dell’originale progetto “SPORT VISION” (che non è solo
trasmissioni televisive e radiofoniche, ma anche servizi e tanto altro), ufficializziamo che tutte le
gare interne del Città di Terrasini calcio (campionato di Eccellenza girone A, Sicilia) verranno
trasmesse da ora in avanti, il lunedì in prima serata sull’emittente partinicese Tele Jato e trattative
sono avviate per la loro trasmissione anche su un canale del digitale terrestre. I servizi e le
interviste di approfondimento alle gare del Terrasini verranno, invece trasmessi nelle rubriche di
approfondimento sportivo di Tele Jato, Tele Occidente e nella sezione video del portale
SportdelGolfo.com, sito che raggiunge una media di seimila viste uniche giornaliere”.
Lo staff di SPORT VISION vuole concludere questa lettera di chiarimento, rendendo noto anche
che le gare del Campobello di Mazara calcio (Campionato di Promozione girone A, Sicilia)
non verranno più trasmesse sull’emittente televisiva Alpa Uno, così come non avviene da
alcuni mesi anche per quelle del Castellammare calcio ’94 e della Nuova Pallacanestro Marsala.
Tanto altro è in stand by, ma possiamo assicurarvi del mantenimento dei programmi su citati
sino al termine della stagione sportiva corrente, non escludendo interessanti novità del
progetto “SPORT VISION” in ambito web e televisivo (ma non più su Alpa Uno) grazie anche
alle tante collaborazioni con le varie realtà sportive del territorio a noi legate e ai colleghi con i quali
è nato un rapporto di collaborazione proficua per quanto concerne il materiale audio e video a
nostra disposizione, sia del pre che del post gara, riguardante varie competizioni e vari campionati.
Ricordiamo a tutti che lo staff di “SPORT VISION” è sempre a disposizione di chi ne faccia
richiesta per dare voce e immagine allo sport locale..