Home Altro Varie Il coronavirus attacca anche il tessuto adiposo, secondo un nuovo studio, il...

Il coronavirus attacca anche il tessuto adiposo, secondo un nuovo studio, il che potrebbe spiegare perché il sovrappeso aumenta il rischio di malattie gravi e morte

0

Un nuovo studio potrebbe gettare nuova luce sulla scoperta che le persone in sovrappeso o obese sono a maggior rischio di malattie gravi o di morte. Sebbene abbiano spesso condizioni di base come il diabete, non è sempre così. Ecco perché gli scienziati sono sempre più convinti che la loro vulnerabilità abbia qualcosa a che fare con i chili di troppo stessi. I ricercatori della Stanford University, insieme a colleghi tedeschi e svizzeri, hanno condotto esperimenti sul tessuto adiposo di pazienti sottoposti a chirurgia del peso per vedere se potesse essere infettato dal coronavirus. Hanno anche esaminato la risposta di alcuni tipi di cellule. Le stesse cellule adipose sembravano essere in grado di infezione, ma non si sono seriamente infiammate. Alcune cellule immunitarie potrebbero anche essere infettate e hanno provocato una grave risposta infiammatoria. Si è scoperto che le cellule da cui si sviluppano le cellule adipose non potevano essere infettate, ma hanno contribuito alla risposta infiammatoria. I ricercatori hanno anche esaminato il tessuto adiposo dei pazienti con coronavirus che erano morti e hanno scoperto il coronavirus nel grasso intorno a vari organi. Secondo lo studio, il virus sembra essere in grado di eludere il meccanismo di difesa (limitato) del nostro grasso corporeo e di utilizzare il grasso come serbatoio, cosa che possono fare anche i virus dell’HIV e dell’influenza, ad esempio. Più tessuto adiposo ha una persona, più spazio c’è per il virus e maggiori sono le possibilità che il virus si replichi e inneschi una risposta immunitaria violenta. Il tessuto adiposo infetto potrebbe persino svolgere un ruolo nello sviluppo del Covid a lungo termine, secondo i ricercatori del nuovo studio, in cui i pazienti manifestano ancora alcuni sintomi, come l’affaticamento, mesi dopo essere stati contagiati. Affermano inoltre che potrebbe essere interessante sviluppare nuovi trattamenti incentrati sul grasso corporeo. Lo studio, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è stato pubblicato online , ma non è stato ancora recensito da altri scienziati e pubblicato su una rivista scientifica. Pertanto, è necessaria una certa cautela con i risultati.

 

www.sportellodeidiritti.org

Previous articleTribunale di Pisa, incidente stradale allo stop: il conducente che ha la precedenza ha tutta la colpa del sinistro perché corre
Next articleSVILUPPO RURALE E NUOVA PROGRAMMAZIONE, IL VICE PRESIDENTE PIANA AL CONVEGNO DI AICCRE LIGURIA DEL 10 DICEMBRE